Estate. Tempo di vacanze, mare, sole, divertimento. Ma non mancano le iniziative artistiche da seguire. Fra quelle considerate “imperdibili”, va sottolineato il concerto che il Complesso Bandistico di Albino proporrà il prossimo 12 luglio, alle 21, preso il Pala Alpini di Albino, e di cui ci svela qualche dettaglio in anteprima il presidente del sodalizio musicale Giuseppe Usubelli.
“I brani che andremo ad eseguire – spiega Usubelli – sono le composizioni di Armando Trovajoli tratte dalla famosa commedia “Aggiungi un posto a tavola”, che tutti conoscono, almeno quelli che hanno una certa età”.
La commedia, composta da Pietro Garinei e Sandro Giovannini, racconta di don Silvestro, parroco di un paese di montagna che, una sera, riceve una sorprendente telefonata, nella quale Dio gli parla, annunciandogli l’intenzione di mandare sulla Terra un secondo diluvio universale e di aver scelto il suo paese per ripopolare la Terra. L’ordine di Dio è di costruire un’arca per salvare tutti gli abitanti e gli animali del paese. Nel perseguire la sua missione, don Silvestro e gli altri personaggi intrecciano varie trame secondarie e affrontano vari problemi, che però risolvono con un lieto fine.
“L’idea di eseguire i brani tratti da questa commedia – continua Usubelli – nasce dall’iniziativa del nostro direttore artistico, il maestro Savino Acquaviva, che dobbiamo ringraziare per l’attività che svolge con noi, che va dalla direzione dell’orchestra fiati al coordinamento della scuola allievi. La scelta è caduta su questa commedia, sia per la bellezza e freschezza dei brani sia per il messaggio morale sotteso all’opera”.
Ad eseguire il concerto saranno circa 80 persone. Ad affiancare l’Orchestra Fiati del Complesso Bandistico di Albino ci sarà il coro “Bergamo Pop choir”, nonché le voci soliste Barbara Ravasio e Nicola Belotti, e una band che integra l’organico dell’orchestra fiati con strumenti che normalmente non vengono utilizzati nella banda albinese. Ma non è finita qui: tra un brano e l’altro, i narratori Gerardo Racano e Matteo Benvenuti leggeranno dei testi per guidare il pubblico alla comprensione dell’opera.
“Non si tratta di un concerto semplice da eseguire – sottolinea Giuseppe Usubelli – sia per numero di brani che per la loro lunghezza; ma soprattutto perché il concerto prevede un’alternanza tra brani musicali e brani in cui interviene anche il coro: riuscire a far interagire le varie formazioni è una delle difficoltà maggiori. In ogni caso, siamo fiduciosi che tutto andrà per il meglio, e se, come speriamo, il concerto avrà successo, non escludiamo una sua riproposizione in altre occasioni, magari anche fuori dal territorio comunale”.
Detto questo non resta altro che rinnovare l’appuntamento per venerdì 12 luglio, alle 21, preso il Pala Alpini, all’interno del Parco Alessandri, nel cuore di Albino, e ovviamente… musica maestro!

Enrico Masserini