L’estate è nel pieno della sua stagione. Le varie frazioni della Valle del Lujo stanno proponendo le loro feste paesane, coinvolgendo le comunità in momenti di divertimento e di allegria. Lo stesso capita a Casale dove, dopo aver regalato agli amanti della musica momenti di grande energia (si veda il concerto “live music” dello scorso 14 luglio con artisti del calibro di Ricky Portera (ex-Stadio), Luca Ferrari (batterista dei Verdena), Nick Mazzucconi (basso), Joe La Viola (sassofono), il prossimo 15 agosto, organizza la “Festa d’Estate”, con epicentro il Parco del Castagno. Un’occasione per fare comunità, stare insieme in compagnia e allegria, in un’area verde fra le più “gettonate” della Val Seriana, meta di scolaresche e gruppi di turisti. In programma, alle 11 la S.Messa dell’Assunta, la tradizionale “Messa di Ferragosto”, proposta “open air”, all’aperto, nel verde del parco. A seguire, alle 12, il pranzo conviviale, nell’area pic-nic del parco; ricco il menu: grigliata di carne, porchetta, cotechino, salsiccia, formaggi, vino e birra. Giusto, giusto, per non farsi mancare nulla.

La festa sarà anche l’occasione, fra i tanti presenti, per fare il punto sullo “stato di salute” del “Parco del Castagno”, un’area boscata di 137.000 metri quadrati alle pendici del Monte Pranzà, che i volontari del Gruppo Culturale “Amici di Casale” hanno in gestione da oltre vent’anni, tenendolo pulito e disboscato, attrezzato con tavoli e panchine di legno per la sosta e il pic-nic, sistemato nei percorsi di ingresso e arredato con staccionate, insegne e segnaletica informativa. Uno splendore di parco attrezzato, un’oasi protetta, dove far emergere il castagno, la pianta-simbolo di Casale e, in genere, di tutta la Valle del Lujo.

In sostanza, un parco “tematico” che, se in autunno è lo spazio ideale per lezioni didattiche all’aperto da parte delle scolaresche che vi giungono numerose, e in inverno è la sede d’elezione per la sagra dei gustosi “biligòcc”, in estate invece è il palcoscenico per diverse iniziative ricreative, capaci di coinvolgere eco-escursionisti che si addentrano nelle pieghe del Monte Pranzà e del Monte Misma, come appunto la “Festa d’Estate”.

A proposito di “stato di salute” del parco castanicolo, il Gruppo Culturale “Amici di Casale” sta definendo un progetto di risistemazione dell’area, con nuovi tavoli in sostituzione di quelli ormai datati; nuovi cartelli segnaletici, quelli “turistici” di color marrone (da sistemare a Casale e ai due ingressi del parco); nuovi pannelli informativi, sulle caratteristiche dei castagni; oltre ad altre attrezzature di arredo, come un deposito attrezzi o un chioschetto, per rendere più funzionale il parco. Interventi migliorativi, per i quali i volontari chiedono una compartecipazione del Comune di Albino, almeno nella fornitura del materiale necessario alla riqualificazione: le opere, infatti, verrebbero realizzate dagli stessi volontari.