Siamo alla quarta edizione. Anche stavolta “Astorica” (Associazione Storica Città di Albino) ha risposto “presente!”, regalando alla comunità albinese una nuova edizione della “Passione di Cristo”, una rappresentazione teatrale, di carattere storico e religioso, che punta a far rivivere i momenti più drammatici della Passione di Gesù Cristo, dall’Ultima Cena al momento della Crocifissione sul Golgota, attraverso una suggestiva “Via Crucis”. L’appuntamento è per venerdì 7 aprile, alle 20.45, con inizio da Piazza San Giuliano e termine nel Parco Servalli.
Questa quarta edizione è segnata da alcune importanti novità, che vanno ad arricchire e migliorare la rievocazione della “Passione di Gesù Cristo”. Intanto, la prima parte, quella recitata, non si svolgerà, come lo scorso anno, presso il Parco Alessandri (sono in corso dei lavori per una nuova struttura in legno), ma si terra in Piazza San Giuliano, sul sagrato della chiesa. Come palco, si utilizzerà la scalinata della Casa dei Curati, il porticato del cinema dell’Oratorio ed il colonnato della chiesa. La rappresentazione sarà preceduta da un’introduzione, curata e letta dai frati francescani, che così aiuterà il pubblico ad accostarsi agli avvenimenti che verranno rivissuti dalla rievocazione che seguirà subito dopo.
Inoltre, quest’anno le scene dell’Ultima Cena e dell’Orto degli Ulivi non saranno interpretate, ma verranno lette subito dopo l’introduzione dei frati francescani; e così la rappresentazione vera e propria avrà inizio con un dialogo tra i sommi sacerdoti Caifa e Anna, che stanno uscendo dal Sinedrio e si affacciano sulla piazza, dove si svolge una scena di vita quotidiana con gruppi di popolani e i soldati romani che pattugliano la piazza.
Tra le novità di quest’anno, poi, il copione. Redatto dal regista Roberto Frutti, vede un nuovo personaggio: Claudia, la moglie di Pilato, che vuole convincerlo a non condannare Gesù, perché la condanna di un innocente sarebbe ricaduta su di loro.
Le altre novità di questa quarta edizione riguardano la parte della “Via Crucis” che accompagnerà Gesù, condannato a morte, dal Pretorio al Calvario: lungo il percorso, che si svolgerà da Piazza San Giuliano al Parco Servalli, verrà dato maggior risalto alle scene dell’incontro di Gesù con le Pie Donne, con Simone da Cirene e con la Veronica. Come da copione, infine, la scena della crocifissione e morte di Gesù concluderà l’intera rievocazione.
Anche quest’anno i figuranti coinvolti nella sacra rappresentazione saranno parecchi, circa cinquanta. Astorica, poi, si avvarrà della collaborazione di diverse realtà: Comune di Albino, gruppo alpini di Albino e “GRUPPO ECOLOGICO VALLE SERIANA”, con la collaborazione delle parrocchie del territorio di Albino.
In caso di pioggia, la rievocazione non avrà luogo.

T.P.