E’ questo lo slogan col quale la sezione AVIS DI GAZZANIGA ha festeggiato questo importante traguardo di attività sociale.
Nata nel febbraio del 1946, la Sezione di Gazzaniga è stata, nella provincia di Bergamo, il secondo gruppo organizzato di donatori, nei primi anni per soddisfare le necessità di sangue del locale Ospedale Briolini, successivamente con una raccolta coordinata dalla struttura provinciale di AVIS.
Purtroppo questo particolare periodo di pandemia non ha consentito agli avisini di manifestare e sfilare per le strade del paese, ma la domenica 3 ottobre è stata l’occasione per ricordare con una Santa Messa tutti i soci defunti e celebrare il 75° di Fondazione nella sala civica “Donatori di Sangue” con la premiazione dei donatori benemeriti.
Il Presidente Pelizzari Stefano ha sottolineato che “il 75° anno di attività è un traguardo molto importante, che ci deve riempire di soddisfazione per il bene profuso in tutti questi anni e nello stesso tempo di stimolo per continuare con ancor più entusiasmo e perseveranza, la nostra attività.”
I numeri di questi 75 anni si riassumono in: 2.359 soci che hanno donato; 34.493 le donazioni effettuate; 13.521 i litri raccolti di sangue/plasma derivati.
Alla presenza dell’assessore Ongaro Alberto si è provveduto alla consegna delle benemerenze a 110 donatori che, oltre alla tradizionale foto di rito, si sono sottoposti ad un simpatico scatto “faccia da Avis” in una simbolica goccia di sangue.
Fra gli altri sono stati premiati con “distintivo oro e smeraldo” per oltre 100 donazioni Conti Pietro, Corna Marco e Ruggeri Alessandro, mentre a Caccia Tarcisio, Magni Dario e Nosari Giancarlo è stato consegnato il “distintivo oro e diamante” per aver concluso l’attività donazionale con oltre 120 donazioni. Infine la Sezione ha donato un orologio a Pelizzari Stefano e Sala Efrem per aver raggiunto le 200 donazioni.
Un fragoroso applauso di ringraziamento ai premiati ha concluso l’assemblea; i presenti si sono poi ritrovati in un ristorante della zona per un “festoso” pranzo sociale.