A scuola di…abilità di vita

Siamo i ragazzi della 1^E dell’I.C. “G.Solari” di Albino e con questo breve articolo vorremmo descrivere un’esperienza che ci ha accompagnati durante gran parte del primo quadrimestre, fino all’inizio del secondo: si tratta del progetto “Life skill training”, che letteralmente significa “allenamento alle abilità della vita”.

 

Facile intuire di cosa si tratta: questo progetto insegna a noi giovani come vivere al meglio, evitando di trovarci in situazioni rischiose e con poche probabilità di ritorno, trattando tematiche come quelle della droga e dell’alcool, ma anche molto più semplicemente facendoci riflettere su come superare la timidezza o dire” NO! “ in alcune occasioni (Monira).

Questo percorso, sviluppato negli USA, è utile per fornire ai ragazzi informazioni su come affrontare varie esperienze, durante la crescita, utilizzando e potenziando le abilità della vita. Praticamente, fa ragionare su come comportarsi in particolari situazioni. A tal proposito, abbiamo trattato molti argomenti: il nostro modo di agire in classe e fuori, l’immagine che abbiamo di noi stessi e il punto di vista degli altri; poi, abbiamo provato a migliorarci, utilizzando una tabella con degli obiettivi da raggiungere entro un preciso periodo. Altro argomento interessante è stato prendere decisioni e risolvere problemi; per noi ora sono decisioni banali, ma col tempo possono diventare sempre più difficili. Abbiamo parlato di alcool e tabacco, delle conseguenze per chi ne fa uso, della dipendenza che si può creare, come anche per altre droghe. Abbiamo riflettuto su come gestire la rabbia e l’ansia, sperimentando alcune tecniche per calmarci, e abbiamo provato a comunicare con gli altri manifestando le nostre emozioni e la nostra volontà. Le insegnanti sono riuscite a far risaltare gli aspetti importanti di questo progetto, soprattutto a cosa serve. Infatti, molti di noi sono leggermente cambiati sia nel carattere che nel comportamento, grazie a questo percorso. È stata un’esperienza molto utile e penso che lo possa essere anche per gli adulti; credo che mi rimarrà impressa e spero che anche altri studenti possano provare a seguirlo (Viola).

Penso di aver imparato ciò che potrebbe essermi d’aiuto per vivere sana ed essere libera di esprimere le mie opinioni a chiunque, senza esagerare troppo! (Erika).

Un fantastico percorso dove si sono affrontati argomenti che possono aiutare noi adolescenti a risolvere i problemi che incontriamo nel nostro cammino. Io penso di aver imparato molte cose, ma soprattutto a gestire l’ansia (Sofia).

Le insegnanti sono state molto chiare nel farci capire che non bisogna bere alcool, che non si deve fumare e come si può controllare la rabbia (Laura).

Questo percorso serve a farci conoscere i rischi, le conseguenze, i danni di alcune nostre azioni. Io ho imparato a conoscere le azioni positive e quelle negative, a valutare le scelte migliori da prendere e come comportarmi in certe situazioni (Martina).

Un percorso del genere aiuta a crescere bene senza fare delle scelte sbagliate che potrebbero rovinare la salute e addirittura la vita (Vincenzo).

Il corso serve molto perché ti fa capire che certe cose fanno male e se non lo sai possono distruggerti la vita (Richlove).

Io penso di aver capito che posso essere me stessa, che non devo per forza essere come gli altri (Sarah).

Penso di aver imparato molte cose: a non essere timida, a non arrabbiarmi, a controllare l’ansia… Ma l’importante è averlo imparato tutti insieme, senza litigare, e andando d’accordo. Mi è molto piaciuto e vorrei ripetere altre esperienze di questo genere (Dinangelis).

Questo percorso serve alle persone per come comportarsi quando si ha davanti un problema da risolvere. Alcune persone imparano da sole le abilità della vita, ma non in modo sistematico e duraturo (Amal).

Le insegnanti sono state efficienti e si sono impegnate molto, nonostante questo percorso fosse nuovo sia per noi che per loro. Hanno affrontato il progetto con chiarezza e ci hanno fatto apprendere queste abilità. Gli aspetti più significativi sono stati capiti da tutti e ci saranno sempre utili (Elisa).

 

Classe 1^E, scuola secondaria di Albino