Applausi e apprezzamenti per i ricchi festeggiamenti che i cittadini albinesi hanno tributato a Giovan Battista Moroni, loro illustre concittadino, in occasione del suo compleanno, avvenuto in un non precisato giorno di settembre del 1521, ovviamente ad Albino. L’evento celebrativo dell’artista, delle sue opere, della sua città, denominato “Sui passi del Moroni”, ha fatto centro il 22 settembre scorso. Soprattutto a livello organizzativo: infatti, in cabina di regia c’erano tre associazioni, Arte sul Serio, Percorsi Albinesi e Circolo Fotografico, in diverso modo collegate alla figura del grande pittore, che hanno unito le loro forze per presentare un evento di alto livello, una proposta d’arte e cultura che, sperano loro, potrà un giorno diventare un appuntamento fisso nel calendario delle iniziative annuali. Molto piaciute le visite guidate, mediante il “Moronibus”, che ha fatto la spola fra la chiesa di S.Barbara, a Bondo Petello, e la chiesa della Madonna del Pianto. Come apprezzato è stato il workshop presso la chiesa di San Bartolomeo e la “cena rinascimentale”, con prodotti del Mercato Agricolo e Non Solo. E, poi, quanti figuranti, lungo via Mazzini, in alcuni cortili, dove sono state ricreate le botteghe del periodo cinquecentesco, grazie agli “artisti” di Arte sul Serio. Senza dimenticare la serie di stendardi, lungo via Vittorio Veneto, che ricordavano ai visitatori le opere moroniane.

Nel corso della manifestazione è avvenuta la cerimonia di premiazione del 1° concorso fotografico nazionale promosso dal Circolo Fotografico “Albino-Città del Moroni”. Ben 30 le fotografie selezionate: primo classificato Francesco Mazza, seguito da Fiorenzo Rondi e Adriano Perani.

Ed è stata inaugurata la 3^ edizione del “Concorso pittorico-Albino Città del Moroni”, a cura dell’associazione “Arte sul Serio”, alla presenza del sindaco Fabio Terzi e dell’assessore alla Cultura Emanuela Testa. A tal proposito, le opere sono state messe in mostra nella chiesa di San Bartolomeo fino al 30 settembre, quando si è tenuta la cerimonia di premiazione dei vincitori. Ben 58 i pittori che hanno partecipato al concorso: nomi noti nel mondo dell’arte, le cui opere, di alto livello artistico, stanno sottolineando il grande valore che il concorso di anno in anno sta acquisendo.
Premiati i primi classificati: categoria figurativa Giuseppe Macella; categoria disegno/acquerello Davide Fabbri; categoria astratto Alan Fecola. E premiati anche i secondi classificati: categoria figurativa Nicola De Benedictis; categoria disegno/acquerello Marcello Mutti; categoria astratto Luisa Vailati. Inoltre, sono stati segnalati Gabriele Traina, Arnaldo Rovaris, Laura Spreafico, Ezio Arosio, Elio Maffeis, Cinzia Brena, Simona Brena.

“Una bella festa – spiega il presidente di Arte sul Serio Federico Bianchi – Poter passeggiare tranquillamente per via Mazzini soffermandosi davanti ai cartelloni che trattavano di argomenti rimandabili al Rinascimento; ascoltare le spiegazioni dei negozianti che con entusiasmo hanno partecipato all’evento, esponendo oggetti e, in costume rinascimentale, dimostrando tecniche dei mestieri di quel periodo; camminare in mezzo all’arte senza essere pressati dal dover acquistare, ma solo dal voler sapere e conoscere; entrare nei cortili dove gli associati di Arte sul Serio hanno creato e rappresentato botteghe d’arte di allora, ha generato un contesto di piacevole immersione nel passato e di grande apprezzamento per il lavoro di preparazione fatto. In particolare, la “bottega del Moroni”, dove il pittore Elio Maffeis interpretava il Moroni pittore e realizzava una copia dell’opera “Il Sarto”, mente altri associati operavano con colori, cornici e quanto potesse essere realizzato nella bottega, ha creato moltissimo interesse e curiosità”
“Attestati di stima anche per il momento musicale, realizzato dai ragazzi della scuola “Django Association”, all’interno della bottega, che ne ha completato il quadro artistico. – continua Bianchi – Mentre le fotografie di dettagli di opere del Moroni, realizzate dal Circolo Fotografico ed esposte lungo via Vittorio Veneto, hanno fatto da coreografia “itinerante” verso la piazza San Giuliano, dove l’associazione “Percorsi Albinesi” aveva organizzato visite guidate a luoghi con opere del Moroni e, verso sera, la cena rinascimentale”.
A chiusura dell’evento, il gruppo teatrale di Arte sul Serio, diretto da Diego Ghisetti, ha rappresentato nella stessa piazza l’opera “InUnCubo”.
“Con “Albino sui passi del Moroni” l’arte è entrata nella città di Albino – conclude Bianchi – La si respirava per le vie, oltre che all’interno del concorso, ha creato un momento di serena e piacevole convivialità, ha stimolato un viversi diversamente. Ovviamente, un sicuro appuntamento per il prossimo anno”.

Ti.Pi.