Approvato il Bilancio di Previsione 2015

Ancora tagli per 221 MILA EURO da Roma

– Maggioranza responsabile e concreta

– Minoranza senza proposte serie e sempre irregolari dal punto di vista tecnico e contabile.

 

Il 27 Aprile scorso il Consiglio Comunale ha approvato il Bilancio di Previsione 2015, con i voti favorevoli della Maggioranza, l’astensione del consigliere del Movimento 5 Stelle ed il voto contrario della minoranza arancione di centro-sinistra.

 

A causa dei continui e pesanti tagli di trasferimenti dallo stato centrale e a seguito dei soliti asfissianti vincoli del patto di stabilità non è stato certo facile costruire il nostro primo bilancio di previsione, ma senza piagnistei e sceneggiate come erano soliti fare gli Arancioni quando erano loro ad amministrare, ci siamo rimboccati le maniche e con la responsabilità e la concretezza che ci contraddistinguono lo abbiamo fatto. E lo abbiamo fatto da un lato cercando di garantire ancora la quantità e la qualità dei servizi che il comune da anni eroga ai cittadini e dall’altro cercando di usare il meno possibile la leva fiscale. Purtroppo, con nostro rammarico, ma come del resto sono stati obbligati a fare gli Amministratori di quasi tutti i comuni della provincia, abbiamo dovuto ritoccare al rialzo l’addizionale comunale dell’IRPEF, cercando comunque di gravare il meno possibile sulle fasce di reddito più basse. Il nuovo taglio di 221 MILA EURO da Roma previsto per quest’anno, a cui si aggiunge la sforbiciata settembrina dell’anno scorso di circa 200 MILA EURO divenuta ormai strutturale, ci hanno costretto a ritoccare l’IRPEF per mantenere ancora efficienti una serie di servizi importanti che il comune di Albino da anni offre ai propri cittadini.

La minoranza arancione sbraita strumentalmente che abbiamo alzato le tasse ma non è in grado di fare delle controproposte serie e credibili che indichino come e dove trovare le risorse mancanti, anzi propone emendamenti al bilancio irregolari dal punto di vista tecnico e contabile. Nello spazio dedicato ai gruppi consiliari la minoranza arancione scriverà di tutto e di più ma la verità è questa. Strumentalità, incapacità e dilettantismo da parte di una minoranza che ormai priva del suo capace ex assessore al bilancio, annaspa goffamente e maldestramente nelle sedute consiliari e nelle commissioni. Mai e poi mai noi, quando fummo in minoranza, presentammo emendamenti al bilancio irregolari dal punto di vista tecnico e contabile così da essere bocciati preliminarmente dal responsabile della ragioneria e dai Revisori dei Conti.

Quello che lascia ancor più perplessi è che gli emendamenti della minoranza arancione parevano essere stati stesi come se non esistesse l’Obiettivo del Patto di Stabilità. Uno degli emendamenti, qualora fosse stato accolto, avrebbe generato un saldo negativo ai fini del rispetto del Patto pari a 4 MILIONI DI EURO e ciò ci avrebbe portati dritti dritti al commissariamento del Comune!!!!!

Criticano l’alienazione del bocciodromo e del suo bar? Mi dicano allora gli Arancioni cosa si può vendere in alternativa, dove si posso trovare quei danari per generare un avanzo di 2 milioni e 800 mila Euro per centrare l’Obiettivo del Patto di Stabilità? Non lo sanno. Anzi un’idea ce l’hanno, quella di usare l’avanzo di amministrazione!!! Pazzesco, anzi a dir poco inquietante, dopo 5 anni di maggioranza un ex vice-sindaco non sa ancora che utilizzare l’avanzo di amministrazione (ad eccezione che per estinguere debito) peggiora solo il Patto di Stabilità? Ma questi dove sono stati fino ad ora? Per fortuna noi abbiamo cercato di costruire con responsabilità e sano realismo il nostro primo bilancio, anche se il Patto di Stabilità condizionerà pesantemente l’azione amministrativa dell’anno 2015.

Anche per questo motivo abbiamo messo in pista la partecipazione ad una serie di bandi regionali sull’edilizia scolastica e sugli edifici storici per superare l’ostacolo del Patto di Stabilità che non ci permette di usare le nostre risorse. Gli Arancioni lo chiamano il libro dei sogni? Signori miei chi non risica non rosica. Intanto noi ci siamo rimboccati le maniche e l’ufficio tecnico coordinato dall’Assessore ai Lavori Pubblici ha costruito una serie di progetti credibili e convincenti che ci fanno ben sperare.

Troverete maggiori dettagli relativi a questi interventi nell’articolo dell’Assessore ai Lavori Pubblici.

Chiudo ringraziando la Giunta, i Consiglieri di maggioranza e tutti gli uffici comunali per l’impegno profuso nella stesura del Bilancio di Previsione.

 

Il Sindaco, Fabio Terzi