Promuovere l’occupazione, ampliare le opportunità di inclusione sociale e offrire supporto legislativo e amministrativo ai cittadini in cerca di impiego, perché disoccupati o inoccupati. Il Comune di San Poalo d’Argon, in collaborazione con il Consorzio Servizi Val Cavallina e gli enti accreditati per la Formazione e Lavoro attivi sul territorio della Val Cavallina (Associazione Bergamo Lavoro, Patronato San Vincenzo,…) ha recentemente attivato lo “Sportello Lavoro”, che si pone come obiettivo quello di supportare i cittadini nella ricerca attiva del lavoro, fornire consulenza orientativa rispetto alle opportunità del territorio e facilitare il loro inserimento nel mondo del lavoro.
“Siamo consapevoli che le conseguenze della crisi in atto dal 2007 stanno creando significative problematiche ad alcuni nostri cittadini nel reperimento di opportunità di lavoro – spiega il sindaco Stefano Cortinovis – E anche le aziende fanno fatica a reggere le conseguenze della globalizzazione, che va comunque vissuta come un’opportunità e non demonizzata. Pertanto, abbiamo deciso di realizzare un progetto che prevede l’apertura di uno “Sportello Lavoro” presso il nostro Comune”.
Chiare le finalità dello “Sportello Lavoro”: attivazione dei finanziamenti disponibili “a dote” (“Dote Unica Lavoro” e “Garanzia Giovani”) nei casi in cui siano rispettati i requisiti di accesso e siano disponibili le risorse pubbliche; servizi all’utente di orientamento aggiuntivo, comprensivo della stesura del CV e di un monitoraggio di base della situazione (2 ore medie aggiuntive per utente); servizi di raccordo con i servizi sociali del territorio per il coordinamento delle segnalazioni e delle prese in carico (comprensivo delle restituzioni agli operatori degli esiti dei servizi svolti); attivazione di un database unico territoriale per la gestione coordinata dei profili delle persone prese in carico; coordinamento delle attività di informazione, promozione rivolte alle aziende; collaborazione nell’implementazione di sistemi di comunicazione e promozione via internet dei servizi al lavoro (sito internet dedicato).
I “servizi al lavoro” sono differenziati fra utenti e aziende. Quelli garantiti agli utenti sono : accoglienza e informazione orientativa; accompagnamento nella stesura del curriculum vitae; formazione e aggiornamento professionale attraverso l’erogazione di corsi; tirocini formativi e di orientamento. Mentre alle imprese: interviste e visite aziendali per analizzare i bisogni formativi; progettazione del corso di formazione più adeguato alle loro esigenze anche prevedendo la formazione “on the job”; individuazione del target di giovani che possono accedere al percorso; attivazione di tirocini extracurriculari formativi e di orientamento; servizio di consulenza per gli incentivi per l’assunzione; attivazione di borse lavoro finanziate dall’Ambito per avvicinare i disoccupati all’impresa; promozione della “convenzione art.14” con le cooperative del territorio anche ripensando ai servizi offerti dalle stesse
“Sono cosciente che questa iniziativa da sola non è sufficiente a risolvere tutti i problemi lasciati in eredità dalla grave crisi che ci ha colpiti in questi ultimi anni – continua il sindaco Cortinovis – Ma lo sono convinto, però, che solo con piccoli passi in avanti si può sperare di uscire, insieme e condividendo le risorse, dalle difficoltà.
Certo di poter confidare sull’aiuto e il sostegno della nostra comunità, consegniamo questa nostra iniziativa alla cittadinanza, perché la possa utilizzare, se ne avrà bisogno e se lo riterrà utile, per migliorare la qualità della propria vita. Per chi non ne ha bisogno, chiedo di fare da “passa parola” per quanti potrebbero giovarne, sia singoli cittadini che imprese”.
Lo “Sportello Lavoro” è aperto in Comune dallo scorso 6 giugno: il lunedì dalle 9 alle 13 e il giovedì dalle 14 alle 18.

P.T.