Finalmente, è in arrivo anche a Trescore la “Casetta dell’Acqua”. Recentemente, l’amministrazione comunale ha approvato la convenzione che consente l’installazione di un distributore automatico per la vendita diretta di acqua alla spina. L’intento è quello di valorizzare l’utilizzo dell’acqua pubblica locale, contribuendo alla riduzione dei rifiuti plastici costituiti dalle bottiglie dell’acqua minerale, del consumo di energia elettrica per la loro produzione e dell’inquinamento determinato dal trasporto delle acque imbottigliate dal luogo di produzione a quello di vendita.
Il distributore potrà erogare acqua naturale e gassata refrigerata al costo di 5 centesimi al litro, pagabili con moneta oppure con apposita tessera magnetica ricaricabile.
La casetta sarà collocata nel Parco Zelinda, a ridosso del cimitero di Trescore, facilmente raggiungibile e a pochi metri dall’ampio parcheggio.
Se non ci saranno intoppi la casetta dovrebbe essere funzionante dal mese di giugno e l’amministrazione comunale predisporrà l’adeguata pubblicità, anche attraverso iniziative che coinvolgeranno i cittadini di Trescore.
“La casetta dell’acqua – spiega il vice-sindaco e assessore all’Urbanistica Michele Zambelli – è attesa da tempo da molti cittadini di Trescore, ma non è l’unica iniziativa in programma. Infatti, stiamo definendo con un produttore locale anche l’installazione della casetta del latte e dello yogurt, che è stata rimossa negli anni scorsi, a causa degli alti costi di occupazione del suolo pubblico. La casetta del latte e dello yogurt affiancherà quella dell’acqua, per formare una sorta di area delle buone pratiche, che potrebbe prevedere in futuro anche un incremento con il distributore di detersivi alla spina e la colonnina per la ricarica delle auto elettriche. Le azioni sono tutte rivolte ad un miglioramento della qualità ambientale, che nel nostro piccolo può attuarsi con operazioni concrete come queste”.

Ti.Pi.