Di nuovo Arte sul Serio è attenta al suo obiettivo, diffondere la passione e la conoscenza dell’arte. Questo l’obiettivo che sta a cuore ad “Arte sul Serio”, l’associazione culturale che da 16 anni punta a valorizzare l’arte e la cultura artistica sul territorio seriano. Così, proseguendo nel suo cammino promozionale, per rendersi disponibile, attraverso l’organizzazione di corsi ed eventi, a chi desidera avvicinarsi al mondo dell’arte pittorica e non solo, Federico Bianchi e soci propongono per questo inizio di 2019 una serie di seminari che trattano argomenti di grande attualità legati ai fenomeni artistici.
Quindi, non solo corsi tematici, dove è possibile sperimentare in pratica la propria passione artistica; quindi, non solo eventi, quali la “mostra sociale”, il concorso pittorico “Albino città del Moroni “, la giornata dedicata al Moroni “Sui passi del Moroni”; ma anche, a partire dal prossimo mese di marzo, un ciclo di seminari, dal titolo “Arte in evoluzione”, allestiti in collaborazione con la Dott.ssa Iside Federica Vallese, laureata presso l’Accademia delle Belle Arti di Bologna.
Ben 5 gli incontri in programma, sempre alle 20, presso la sede dell’associazione, nella Villa Regina Pacis, a Comenduno. Si parte il 5 marzo, con “Lo Spirito dell’Arte del Novecento: l’opera d’Arte Totale”; quindi, il 19 marzo, “Arti Maggiori Vs Arti Minori: uno scontro titanico o abbraccio?”; il 2 aprile, “Dalla Performance all’Arte Relazionale”, dall’Happening alla sua evoluzione in performance; la nascita di una nuova dimensione estetica: la bellezza delle relazioni; il 16 aprile, “Il Posthuman, l’estetica del domani”, Come sarà l’essere umano del futuro?; il 30 aprile “Le arti digitali: la conquista dell’immateriale”.
Il ciclo di incontri, partendo dai movimenti artistici del Novecento, intende condurre i partecipanti alle forme artistiche di oggi, descrivendone le origini e la loro evoluzione nel futuro. Vuole essere un percorso attraverso forme artistiche contemporanee, spesso non conosciute o non comprese, ma che sono in ogni caso l’espressione, attuale e futura, del cambiamento ambientale, emotivo e culturale dell’uomo.
“L’arte non ha una sua connotazione specifica, rigida, immutabile – spiega Il presidente di “Arte sul Serio”, Federico Bianchi – L’arte è sempre in movimento, sempre in modifica, sempre in viaggio. Spesso, pur fondando le sue radici nel passato, corre in anticipo nel futuro e, ad un occhio attento, ne descrive in anteprima le forme sociali e culturali. Lo ha già fatto, e la storia lo ha dimostrato: l’artista spesso, grazie alla sua particolare sensibilità, non sempre controllabile e comprensibile, anticipa, attraverso l’arte, fenomeni sociali che poi concretizzano ciò che egli ha anticipato nelle sue opere. L’arte non è mai passiva, l’arte, proprio perché nasce all’interno di fenomeni emotivi, perché nasce dalla sensibilità dell’uomo, perché nasce dal suo desiderio di libertà, non può che essere lo specchio ideale nel quale intravedere e studiare il fenomeno “uomo” nel passato, nel contemporaneo e, perché no, anche nel suo futuro”.
Il ciclo di seminari è aperto a tutti gli interessati.

Ti.Pi.