Minoranze? Solo un fastidio per Sindaco e maggioranza

 

Ci risiamo. Per l’ennesima volta la maggioranza mette noi delle minoranze di fronte al fatto compiuto. Nuovamente il sindaco e la sua giunta mettono sul tavolo una questione importante e delicata e ci costringono in tre giorni a prendere una decisione, quando in effetti questi signori hanno già preso la loro decisione. Questa volta si tratta dell’ex area industriale Italcementi e del suo futuro, una questione non da poco, ci pare. E’ evidente che i il tipo di riconversione di questa immensa area un tempo industriale, rappresenta un momento importantissimo per la comunità di Albino sia sotto il profilo urbanistico sia sotto il profilo economico. Un percorso che deve essere gestito al meglio dall’amministrazione comunale, maggioranza e minoranza assieme, ciascuno con i propri ruoli e con i propri compiti.

 

Invece, evidentemente, la maggioranza vuole fare tutto da sé e relegare in un angolino le minoranze non fornendo loro non solo le informazioni sufficienti, ma soprattutto il tempo necessario per sviluppare una seria riflessione. Del resto, ad oggi, il sindaco e la sua maggioranza di centro-sinistra, non hanno fatto altro che tollerarci e marginalizzarci di fronte alle decisioni più importanti. Non poteva certo andare diversamente per la questione Italcementi.

Infatti, alla fine della commissione congiunta territorio ed economia di lunedì 17 dicembre 2012, in cui si era discusso sulla nuova ZTL di Via Mazzini, l’assessore all’urbanistica, candidamente ha tirato fuori dal cilindro un documento di “Protocollo d’Intesa fra Comune ed Italcementi” che non era affatto all’ordine del giorno. D’altra parte, lo stesso assessore, con spudoratezza definiva il nuovo punto all’ordine del giorno come “Fuori Sacco” ma vista l’urgenza di portarlo in Consiglio per il 20 di dicembre tutti noi dovevamo digerire anche quel “Fuori Sacco” in commissione ma soprattutto digerire il fatto di approvarlo in Consiglio tre giorni dopo!!!!!!!!!!!

Questo è il modo di procedere di questa amministrazione: ti portano in commissione un protocollo d’intesa tra comune e privato riguardante la riconversione di un’ ex area industriale di grande rilevanza senza che sia all’ordine del giorno e senza fornirti della sufficiente documentazione. Poi pretendono in tre giorni di approvarlo in Consiglio Comunale.

Come possono le minoranze aprire una seria e serena riflessione o proporre dei suggerimenti in tre giorni su una questione del genere???

Evidentemente alla maggioranza di centro-sinistra interessa ben poco il parere delle minoranze. Quando Luca e compagni posso non ci dicono nulla, vedi i nuovi orari del traffico di via Mazzini, quando invece il regolamento prevede il passaggio all’interno degli organismi istituzionali delle Commissioni e del Consiglio Comunale, allora il tutto avviene in maniera così supersonica che noi delle minoranze non siamo in grado di fare la nostra parte che è quella di controllare l’operato della maggioranza, di esprimere il nostro parare e di fare dei suggerimenti con cognizione di causa, ovvero avendo un quadro ben chiaro della situazione.

Diversamente cosa ci andiamo e cosa ci stiamo a fare in Consiglio Comunale? Tanto hanno già deciso tutto loro. Ormai a noi delle minoranze di Albino, escluse sempre e categoricamente dalle scelte e dalle decisioni più importanti, non è rimasto altro che la sola possibilità di informare voi cittadini, ma attenzione, sia chiaro, anche questo per quanto ci è possibile, visto la nostra difficoltà di avere informazioni e dati precisi sulle scelte di questa maggioranza.