Sono trascorsi solamente 100 giorni dalla vittoria elettorale della coalizione di centro destra ed il nostro Sindaco Fabio Terzi, unitamente a tutta la Giunta ed alla maggioranza Consiliare, si trova a collaborare con una minoranza eterogenea: da una parte il Movimento 5 Stelle, sempre collaborativo anche nel dissenso, con proposte chiare, limpide e intelligenti, mentre dall’altra gli Ex Governanti di “Per Albino”, i cosiddetti arancioni, che non perdono occasione per fomentare polemiche puerili sulla stampa e sui social network, dimenticando che hanno avuto ben 1.825 giorni per poter sistemare quanto loro stessi oggi accusano al neo eletto Sindaco Fabio Terzi. Un esempio su tutte le dichiarazioni dell’ex Sindaco Luca Carrara in relazione al Nuovo Polo Scolastico di Comenduno che accusa la nuova Giunta dei problemi relativi alle impermeabilizzazioni che perdono. Abbiamo ereditato un’opera che non abbiamo condiviso per la distribuzione ed organizzazione degli spazi, e fin qui nulla di nuovo, ma ora che è terminata, abbiamo il buonsenso di adattarci. Ma nemmeno il tempo di inaugurarla che durante il primo sopralluogo ci si accorge che qualcosa non funziona: infiltrazioni d’acqua dal tetto e dalle murature contro terra perimetrali, intonaci che si staccano, impianti idraulici dei servizi igienici dei bambini non proprio a norma. Tutte cose che erano già a conoscenza della vecchia Amministrazione (aprile 2014) e sottaciute da Luca Carrara e compagni per non perdere qualche consenso in campagna elettorale. Avesse almeno avuto il rispetto, l’ex Sindaco, di presentarsi in Consiglio Comunale nel riguardo del proprio elettorato, dove avrebbe potuto giustificare ogni fatto ed ogni atto della sua amministrazione. Non parliamo poi delle segnalazioni e denunce fatte dagli ex Consiglieri arancioni in relazione alla discarica di rifiuti domestici presenti in prossimità del ponte in costruzione a Comenduno. Tali ex, che si firmano come rappresentanti dei movimenti arancioni presenti in Consiglio Comunale, si sono svegliati solo ora dal lungo letargo che aveva colto l’amministrazione bradipo (Carrara)! Si sono accorti solo ora, dopo 5 anni di amministrazione, che a Comenduno c’è una discarica risalente agli anni ’60. E’ sempre la stessa che permetteva ai “bradipi nostrani” di prendere la scusa sulla lungaggine dei lavori di realizzazione del nuovo Ponte. In 1.825 giorni non sono stati capaci di fare nemmeno la bonifica e la messa in sicurezza del sito. Provvederà questa Giunta, in tempi stretti, a portare a compimento quanto previsto. Ma questi esempi sono solo dettagli se pensiamo che alcuni Consiglieri, ora di minoranza ma sino all’altro ieri esponenti di primo piano nella maggioranza, pubblicizzano le foto di buche e caditoie sporche in Albino. Noi ringraziamo così potremo provvedere alla sistemazione ma al contempo ci chiediamo: che bella eredità ci avete lasciato, cari arancioni! Buche nelle strade, marciapiedi impraticabili, vegetazione a lato strada cui abbiamo provveduto ad eseguire la cigliatura, sporcizia in ogni dove, la via Mazzini paralizzata cui abbiamo provveduto alla riapertura e cui seguirà un progetto di “zona 30”, la caldaia a cippato “inceppata”, le infiltrazioni del Polino Scolastico ed il reticolo idrico minore mai manutentato. Da questo c’è da ripartire ed il 2015 dovrà essere l’anno della svolta.