Bambini a bottega…dal Moroni: l’arte a portata di mano

Scuola Primaria G.B.Moroni, Bondo di Albino, città del Moroni; ma chi è Giovan Battista Moroni?-chiede la maestra. – Un signore importante – si sente tra i banchi. – Io l’ho visto in municipio, con il mantello…- Per me è un pittore- . –Sì, un pittore – conferma la maestra – un illustre pittore albinese! A questo punto l’interesse e la curiosità cominciano a salire, ma cosa dire o cosa fare per saperne di più? A noi insegnanti è piaciuta l’idea di proporre ai nostri alunni un’attività laboratoriale d’arte sulla vita e le opere del Moroni per rispondere con il suo linguaggio: tavolozza, pennelli e colori… Contattata un’esperta d’arte , divenuta referente del corso giunto ormai alla conclusione, è nato un progetto di plesso che coinvolge tutte le classi. Obiettivo: la presentazione ai piccoli “allievi di bottega” di diverse tecniche pittoriche di base attraverso la conoscenza di alcune opere del pittore nato in terra di Albino quasi 500 anni fa. Una mattina di febbraio, con tutti i bambini nell’atrio, è iniziato il primo incontro dal quale è nata una mappa tra filastrocche e indovinelli e immagini, rimasta poi appesa per ricordare a ciascuna classe il titolo del proprio laboratorio e tracciare il percorso con le fotografie dei pittori all’opera! Un itinerario ricco che abbraccia, con i cinque laboratori, tutta la figura del Moroni. I più piccoli hanno approfondito il tema del colore. Dalla preparazione e composizione attraverso l’uso di terra locale argillosa e terre colorate, all’utilizzo dei colori primari e secondari. I bambini di seconda e terza si sono concentrati sui pizzi e i merletti di dame e cavalieri sconosciuti, componendo con sorprendente immaginazione artistica nuovi ritratti e nuovi costumi. Gli alunni di quarta si sono cimentati nell’analisi dei ritratti, dei volti. Hanno imparato a curare l’importanza dei particolari tracciati con la matita, il carboncino e la sanguigna. Mentre i ragazzi di quinta hanno provato a “copiare” dall’illustre Maestro dopo un’attenta lettura dei bozzetti, ovvero i disegni preparatori del Moroni. E così le opere di un pittore che poteva sembrare a loro così lontano, sono divenute un’interessante occasione per esprimere una creatività, quella dei bambini, che stupisce sempre! Ora siamo pronti per uscire nel territorio per vedere le opere conservate nelle chiese, accompagnati dallo storico Giampiero Tiraboschi. Inizieremo con la pala conservata nella chiesa di Bondo e finiremo con una gita, tutti insieme, in Città Alta per vedere le opere moroniane esposte dentro il Palazzo della Ragione. Ci faremo accompagnare da una guida, ma saremo curiosi e attenti alle nostre guide: alunni un pochino esperti, sicuramente entusiasti, capaci di sentirsi a proprio agio tra soggetti di quadri non più tanto sconosciuti.

 

Allestiremo una mostra in S. Bartolomeo a partire da sabato 3 maggio (pomeriggio) fino a venerdì 9

Visite al mattino su appuntamento (le scuole che volessero prenotare una visita possono chiamare a Bondo 035 752661 o scrivere a primaria.bondo@icalbino.it), mentre al pomeriggio dalle 16,00 alle18,30