Quasi 2.000 quelli che domenica a Nembro hanno partecipato ai laboratori di Confà

È stata una festa in allegria la prima edizione di “Confà – Artigiani che insegnano!” che si è svolta domenica 7 ottobre nelle vie del centro di Nembro.
La manifestazione, organizzata da Confartigianato Imprese Bergamo col patrocinio del Comune di Nembro e la collaborazione dell’associazione Delesco Nembro, ha fatto il pienone e ha raccolto gli apprezzamenti degli adulti e la gioia degli oltre cento bambini che hanno avuto la possibilità di mettersi alla prova e testare le proprie capacità e inclinazioni partecipando ai laboratori realizzati dai maestri artigiani di Confartigianato.
Erano 24 le imprese del territorio che, in altrettanti stand, hanno coinvolto nelle lavorazioni i piccoli spettatori, portandoli a sperimentare i diversi mestieri artigiani dai più tradizionali ai più innovativi: dall’orafo al muratore, dal falegname all’idraulico, passando per pasticciere, pizzaiolo, riparatore di auto e moto, calzolaio, ottico, fino al video maker.
Così i bambini si sono ritrovati a smontare e rimontare il motore di un’automobile, aiutare a realizzare un pavimento in parquet, costruire una casa in legno, ma anche preparare gustosi manicaretti e fragranti pizze e scoprire i trucchi della regia e dell’allestimento di un set televisivo.
Queste e molte altre sono le attività dell’artigianato bergamasco e italiano, che anche all’estero ci invidiano e che Confartigianato vuole valorizzare, promuovere e tutelare.
“Da tempo sentiamo la necessità di far conoscere ai più giovani che cosa rappresentano i lavori artigiani – ha detto il presidente di Confartigianato Imprese Bergamo Giacinto Giambellini -. Se già a partire dal Medioevo i mestieri artigiani, con le botteghe, la cura del particolare, la tradizione di creatività, sono stati il fondamento della storia del nostro Paese, non bisogna pensare che tutto si esaurisca in un’attività ormai desueta e poco interessante. Al contrario, oggi il lavoro artigiano si è contaminato con le nuove tecnologie e può offrire sbocchi occupazionali davvero interessanti, oltre alla soddisfazione di essere il “creatore” dei propri prodotti, unici, di qualità e come detto tecnologicamente avanzati. Purtroppo, però, negli anni si è creata una visione dell’artigianato come di un mondo che non corrisponde più ai tempi attuali e per questo le famiglie faticano a consigliare ai propri ragazzi di seguire questo percorso professionale. Da qui è nata la voglia di scendere nelle piazze per far vedere ai bambini cosa vuol dire artigianato e come è possibile fare un lavoro che gli altri ci invidiano. Per questo ringrazio i consiglieri di Confartigianato Imprese Bergamo Alessandro Belotti e Ivan Morotti e soprattutto il Comune di Nembro che ha creduto nella nostra iniziativa ed è stato un ottimo partner”.
“Come Amministrazione Comunale abbiamo aderito con entusiasmo all’iniziativa proposta da Confartigianato Imprese Bergamo – ha confermato il sindaco di Nembro Claudio Cancelli -. Abbiamo infatti ritenuto importante offrire alle nostre famiglie e ai ragazzi nuove prospettive e nuove possibilità di crescita, valorizzando allo stesso tempo la tradizione artigianale e manifatturiera di cui il nostro territorio è ricco. Abbiamo bisogno di ragazzi che si appassionino al “saper fare” creativo, innovativo e di qualità, per conquistare un futuro professionale ricco di soddisfazioni e garantire lo sviluppo socio-economico del nostro territorio. Per questo abbiamo volentieri dato spazio alle nostre imprese in questa domenica di festa sostenendo Confartigianato nelle fasi organizzative”.
“Sono felice che Nembro abbia potuto ospitare un evento di tale portata – ha aggiunto il vicesindaco e assessore allo Sport, Commercio e Partecipazione Massimo Pulcini – e spero che sia il primo di una lunga serie. Ringrazio chi ha lavorato per rendere questa manifestazione così bella e curata e tutte le famiglie che vi hanno preso parte con i loro bambini”.
Una giornata di gioco, ma anche di formazione per tutti i piccoli partecipanti che al termine del percorso hanno potuto guadagnarsi tanti “diplomi del piccolo artigiano” da portarsi a casa per far vedere anche a mamma e papà che fare l’artigiano è bello come fare il calciatore o l’avvocato, anzi, a volte lo è molto di più”.

BOX

Le imprese partecipanti
Erano 24 le imprese partecipanti alla prima edizione di Confà:
Assembling division di Verzeroli Simone (montaggio e smontaggio di attrezzature – Cene), Automotor di Rossetti Giuseppe & C. Snc (riparazione autoveicoli – Nembro), Azzola Alberto (installazione impianti elettrici – Leffe), B.C.L. Srl (produzione e posa manufatti in legno per edilizia – Cerete), Belotti Costruzioni Srl (lavori generali di costruzioni edifici – Cene), Bois de Rose di Fiammarelli Davide (restauro e commercio mobili usati – Pradalunga), Capab – Consorzio Artigiani Pasticceri Bergamaschi (pasticceria – Bergamo), Carrara Omar (tatuaggio e piercing – Alzano Lombardo), Costruzioni Edilmario Snc di Savoldelli & C. (impresa edile – Gandino), David Laura (noleggio costumi e sartoria su misura – Nembro), Edil R.G. Srl (realizzazione di pavimenti e costruzioni – Ranica), Food service Snc di Breda Matteo & C. (lavorazione e cottura carni -Alzano Lombardo), Gualdi Achille Srl (autotrasporti conto terzi – Gazzaniga), Idro-tecno di Carrara Gianluigi (idraulico – Peia), I Falegnami Srl (assemblaggio serramenti e mobili in legno – San Paolo d’Argon), Lucas video di Baccaro Joao Lucas (realizzazione video e servizi fotografici – Ponte San Pietro), Magri Parquet Srl (parquettista – Nembro), ManentiShoes di Manenti Emanuele (calzolaio – Treviglio), Morotti s.n.c. di Morotti Angelo & Ivan (orafo – Nembro), Remondi Marcello (commercio auto e riparazione veicoli – Albino), Rondifer Snc di Rondi Virgilio e C. (fabbro e idraulico – Nembro), Ottica Ceroni Srl (ottico – Nembro), Ottica Valoti di Rota Isabel (laboratorio ottico – Nembro), Pizza flash di Balduzzi Giovanni (pizze da asporto – Nembro).