“I complimenti di tutta la cittadinanza alla “nostra” Beatrice Foresti, vincitrice del primo storico campionato femminile di 50 km di marcia, svoltosi a Reggio Emilia, il 21 ottobre 2018”. Così si legge ancora, a distanza di tre mesi, sul sito internet comunale di Albano Sant’Alessandro, a dimostrazione del grande exploit sportivo compiuto dalla 20enne atleta dell’Atletica Bergamo 59 Oriocenter, che ha portato in alto il nome del suo paese in Italia.
Ebbene sì, Beatrice Foresti, residente ad Albano Sant’Alessandro con la sua famiglia (ha anche due fratelli maschi, uno più grande e uno più piccolo di lei), può vantare un titolo importante: campionessa italiana assoluta 50 km di marcia. Un titolo conquistato il 21 ottobre 2018, otto giorni prima del suo compleanno – un bel regalo, non c’è che dire – che si aggiunge agli altri titoli tricolori che la giovane marciatrice ha in bacheca.
Logica, quindi, un’intervista da parte della redazione de Il Giornale dei Colli, per conoscere questa giovane promessa dell’atletica italiana.

Intanto, oltre alla marcia, cosa fa?
Due anni fa mi sono diplomata al liceo linguistico “Falcone”, a Bergamo. Adesso, invece, sto frequentano il secondo anno di design della comunicazione, al Politecnico di Milano, un indirizzo che mi affascina.

Come si è avvicinata all’atletica?
Premesso che fin da piccola ho praticato diversi sport, in quinta elementare mi sono avvicinata all’atletica, complice mio fratello maggiore, che mi ha fatta iscrivere alla società Atletica Brusaporto, proprio nella specialità della marcia. E così, a 10 anni, ho iniziato a marciare nella categoria “piccoli”. E fin da subito sono stata seguita dal tecnico Ruggero Sala, che mi ha sempre spronata in questa specialità: ben 11 anni insieme. A seguire, esordienti, ragazzi, cadetti e, a 15 anni, categoria allievi: da allora, corro per l’Atletica Bergamo 59 Oriocenter, la stessa società per la quale gareggio adesso e alla quale ho regalato diversi titoli italiani.

Come si svolgono i suoi allenamenti?
E’ un bel problema far combinare la scuola e lo sport, soprattutto adesso che il tasso agonistico è molto alto. Certo, che il mio è un “triangolo” di vita: casa, scuola, atletica. Solitamente, mi alleno tutti i pomeriggi, ma quando ci sono impegni scolastici obbligatori, come le lezioni, riduco il carico di lavoro: comunque, quasi sempre un allenamento di 20 km al giorno, quindi 120 km alla settimana.

Come è arrivata a fare i 50 km di marcia?
Certo, è una distanza molto impegnativa, a tratti massacrante. Io ho sempre fatto i 20 km di marcia, e una gara di 35 km a gennaio dello scorso anno, ma la 50 km era la prima volta che mi vedeva al via. Proprio quest’anno ho fatto il mio esordio sui 50 km, prima bergamasca di sempre a provare l’ebbrezza di questa distanza, dopo che la gara è stata inserita nel programma Iaaf (Federazione Internazionale delle Associazioni di Atletica). A convincermi ad affrontare questa prova è stato il mio tecnico Ruggero Sala, e anche stavolta ci ha visto bene. A Reggio Emilia mi sono aggiudicata il titolo, il primo titolo nazionale della storia in questa gara, con 4h52:07: sono partita in testa ad inizio gara e ho sempre tenuto la prima posizione fino al traguardo. Un bel tempo, non posso che essere contenta. E ovviamente, vista la mia età, anche il titolo “promesse”.

Una bella soddisfazione, vero?
In una gara di marcia contano tante componenti: preparazione, tecnica, tattica, ma soprattutto sudore e sacrificio. Poi, la vittoria ripaga di tutto, è una liberazione. Ora, forte della vittoria e consapevole delle mie forze, sto preparando la stagione 2019.

Qual è la prima gara del calendario?
La stagione della marcia si aprirà il 27 gennaio, a San Giorgio di Gioiosa Marea, in provincia di Messina, sulle strade dell’indimenticata campionessa Anna Rita Sidoti, con la prima prova dei CdS (campionati di società), valida anche come Campionato Italiano della 50 chilometri, ma saranno in palio anche i titoli individuali delle categorie juniores e master sulla 20 km. Il sogno, però, è poter essere scelta dalla Federazione di Atletica per partecipare con la nazionale italiana assoluta alla prossima Coppa Europa di marcia, in programma nel mese di maggio. Verranno scelte quattro atlete per la squadra femminile, e ovviamente spero di essere selezionata.

Ti.Pi.