Tempo di bilanci per il distaccamento dei vigili del fuoco volontari di Gazzaniga. Come è tradizione, la festa di S.Barbara, patrona dei pompieri, è stata l’occasione per illustrare i dati dell’attività svoltasi nella stagione 2019: ben 358 interventi; un bilancio con numeri superiori al 2018 (322), in linea con il 2017 (352). A fare gli onori di casa c’era il capo-distaccamento Manuelo Chiodi, unitamente ai vigili del fuoco, ai familiari e agli amici. A corredo, le rappresentanze dei corpi militari, dei distaccamenti dei vigili del fuoco volontari della Bergamasca, e numerose autorità locali. Oltre al primo cittadino di Gazzaniga Mattia Merelli, infatti, erano presenti anche sindaci e amministratori dei paesi vicini. Insieme a loro anche la senatrice Alessandra Gallone e l’assessore regionale al Turismo Lara Magoni,
Tutti hanno partecipato alla Messa.
Ebbene, stante il quadro numerico esposto, anche il 2019 è stato un anno impegnativo per i vigili del fuoco volontari di Gazzaniga. Come detto, sono stati 358 gli interventi che li hanno visti all’opera. Purtroppo, molti di più rispetto al 2018 (322), ma mai come nel 2016 (427). Quindi, un numero consistente di “uscite”, che la dice lunga sulle situazioni di pericolo che si verificano nel corso dell’anno, soprattutto in ambito di degrado ambientale e protezione civile.
In particolare, gli incendi sono stati 109: autovetture, abitazioni, cascine o fienili, canne fumarie e tetti (di meno rispetto agli anni precedenti, ndr), stabilimenti, boschi e sterpaglie, … Altri interventi per soccorso di persone (34), taglio di piante (33), apertura di porte, dissesti statici e verifica stabilità (26), salvataggio di animali (19). Inoltre, 15 interventi per incidenti stradali (una persona deceduta e 10 feriti). E interventi per problemi causati dall’acqua.
Attualmente, i vigili del fuoco di Gazzaniga sono 29, che hanno svolto 2.510 ore di servizio: presto se ne aggiungeranno altri 6. I paesi coperti sono soprattutto quelli della Val Seriana (il primato spetta a Gazzaniga con 38 interventi, poi Albino con 29, Cene e Vertova con 20). I vigili del fuoco del distaccamento sono stati chiamati anche a operare in comuni lontani, come Berbenno, Calcio, Caravaggio, Paladina, Rivolta d’Adda, Fonteno, per dirne solo alcuni.
Nel suo intervento dopo la Messa, il capo-distaccamento Manuelo Chiodi ha annunciato una novità: la nascita dell’associazione di promozione sociale “Amici dei pompieri di Gazzaniga”, con presidente Pastore Servalli. Chiari i motivi: promuovere e incrementare l’attività del distaccamento; raccogliere fondi per l’acquisto di mezzi, attrezzature e materiale; creare un movimento di pubblica opinione a favore del volontariato pompieristico; promuovere e organizzare manifestazioni, mostre, rassegne; ma anche avere i contributi che la Regione mette a disposizione per i distaccamenti di vigili del fuoco volontari della Lombardia.
Tutti possono aderire e tutti possono contribuire, privati e aziende: l’associazione rilascerà una ricevuta che potrà essere utilizzata per avere detrazioni fiscali. Senza dimenticare la possibilità del 5 per mille.
Parole di elogio per l’operato dei pompieri di Gazzaniga sono giunte dal sindaco di Gazzaniga Mattia Merelli, che ha sottolineato come il servizio sia indispensabile, non scontato, da sostenere.

GiuliaP