Con l’approvazione del bilancio di previsione siamo entrati a pieno regime nell’esercizio 2016. Non è mia intenzione in questa sede portare via tempo e pazienza ai mie cari concittadini spiegando le novità tecniche che hanno complicato la vita a noi politici e a tutti gli uffici comunali nella costruzione del nuovo bilancio dell’ente. Quello che conta e che interessa a tutti voi è che dietro alla complessità di un bilancio di previsione ci siano poi le azioni con cui un’Amministrazione garantisce i servizi e manutenta o realizza opere pubbliche. E di questo infatti vi parlerò.

Nonostante il governo abbia allentato i vincoli del Patto di Stabilità, il comune di Albino risente ancora del forte impatto che il pagamento del nuovo ponte sul Serio ha avuto sul nostro obiettivo patto. Quest’anno dobbiamo restituire uno spazio di spesa di 470 mila Euro; ciò condizionerà i nostri investimenti in conto capitale anche se non così pesantemente come l’anno scorso.

E’ stato infatti possibile riprendere i lavori della tanto attesa pista ciclopedonale della valle del Lujo e a breve verranno aperti tutti i cantieri di quelle opere bandite a fine dell’anno scorso e appaltate questa primavera per un importo totale di circa 1 milione e 300 mila Euro.

Il Programma Opere Pubbliche 2016 presenta a sua volta alcuni interventi molto importanti dove giocherà un ruolo fondamentale anche la possibilità di accedere ad una serie di bandi regionali.

Il progetto per l’efficientamento energetico delle scuole medie di Desenzano/Comenduno con la ristrutturazione della relativa palestra per un importo di 3 milioni di Euro si è posizionato bene nella graduatoria del bando regionale ma sapremo solo a luglio se rientrerà tra quelli finanziabili. Tutto dipenderà dalla capienza del fondo che verrà messo a disposizione dal ministero.

Per quanto riguarda gli impianti sportivi partecipiamo ad un altro bando regionale con un progetto sul centro sportivo comunale Falco che prevede la realizzazione di un fondo sintetico sul campo a 5 e una ristrutturazione generale degli spogliatoi per un importo di 195 mila Euro. A breve conosceremo anche l’esito di questo bando. Sempre parlando del centro sportivo comunale Falco, vorrei fare alcune considerazioni e precisazioni sul progetto di alienazione del bocciodromo e relativo bar. Come abbiamo sempre ribadito, l’idea di alienare questo edificio comunale è nata dalla necessità e dall’urgenza di fare fronte al rispetto del patto di stabilità. A malincuore abbiamo inserito nel piano delle alienazioni una struttura che assolve egregiamente alle proprie funzioni proprio perché ci sembrava più appetibile di altre per essere acquistata e quindi generarci quelle entrate vitali per il rispetto del patto. Ora, dal momento che la pressione dei vincoli di patto è decisamente meno pesante e visto che anche la seconda asta di vendita con ribasso è andata deserta, stiamo valutando con serenità e ponderazione se continuare su questa strada. Nessuno vuole svendere il nostro bocciodromo.

Il bilancio di previsione 2016 assicura non solo tutti gli stanziamenti necessari per garantire la variegata serie di servizi che il comune offre ai suoi cittadini ma anche le risorse per sostenere numerosi progetti afferenti al mondo dello sport, dei giovani, della scuola e della cultura.

Non possiamo citare tutto, ma mi preme ricordare come anche quest’anno siamo riusciti a garantire il cospicuo contributo alle parrocchie per il Cre e nel contempo abbiamo riproposto anche un Cre comunale. Da ultimo ma non meno importante sono le interessanti e qualificate iniziative culturali che stiamo mettendo in campo come il percorso sul Moroni, il progetto dello scultore rinascimentale Pietro Bussolo e la collaudatissima rassegna di musica “Albino Classica” che giunta alla sua quindicesima edizione ha riscosso quasi sempre il tutto esaurito.

Desidero chiudere questo mio breve contributo al notiziario comunale scusandomi a nome mio e dell’intera Amministrazione per tutti quei disagi che i nostri concittadini dovranno subire quest’estate a causa dei diversi cantieri che saranno aperti in Albino. Abbiate pazienza, perché stiamo lavorando per voi e per migliorare la nostra città e il nostro territorio.

 

Il Sindaco

Fabio Terzi