Francesca Caldiani presenta il romanzo “Jonas Grinn”

Novità in libreria, a firma di una scrittrice albinese. E’ uscito da poco, e sta già avendo successo, il nuovo romanzo di Francesca Caldiani, 36 anni, di Bergamo, ma albinese di adozione, essendo la moglie di Matteo Balduzzi, responsabile della SIMAP srl, azienda che si occupa del commercio di materie plastiche. Ad Albino è di casa, stimata ed apprezzata per il suo lavoro di avvocato a Bergamo, ma conosciuta più come mamma di due bambini, con i quali la vediamo spesso passeggiare in città.

 

Ebbene, Francesca Caldiani ha pubblicato il suo nuovo romanzo, “Jonas Grinn”, un libro rivolta ai ragazzi, per certi versi fantastico, ma fortemente intrigante ed appassionante. Per chi vuol conoscere meglio i dettagli del romanzo e le motivazioni che lo hanno fatto scaturire dalla penna dell’autrice, basta recarsi il prossimo 26 settembre, alle 18, presso la libreria IBS, in via XX Settembre, a Bergamo, dove verrà presentato al pubblico. Ci sarà Francesca Caldiani, a salutare i suoi estimatori, introdotta dal giornalista de L’Eco di Bergamo Federico Biffignandi.

“Jonas Grinn” è il primo romanzo ad essere stato pubblicato, ma il terzo in ordine di tempo – spiega Francesca Caldiani – La scrittura è sempre stata parte di me, fin dall’adolescenza. Grazie alla Watson Edizioni di Roma ho realizzato il mio sogno. Jonas racconta in prima persona la storia di un ragazzo di tredici anni, un campione popolare di kayt (macchine volanti alimentate ad energia solare, ndr) che insieme ai suoi amici dovrà confrontarsi con il mondo degli adulti, abbandonando per sempre le ingenuità dell’infanzia. Il libro si rivolge principalmente ai ragazzi, con l’ambizione di riportare luce su valori che la nuova generazione rischia di perdere”.

“”Jonas Grinn” è un bellissimo libro di fantascienza, ambientato nella città di Lavaton in un tempo futuro – afferma Francesco Caffi, 13 anni (come il protagonista del libro), di Gaverina, che ha gentilmente accettato di recensire il libro –  Nel Quarto Rione, Jonas Grinn, tredici anni, sogna di diventare un campione di kayt, macchine alimentate ad energia solare. Un giorno, i suoi sogni si possono realizzare: il Signor D., un ricchissimo ingegnere che guadagna scommettendo sulle corse, braccio destro del poco amato Governatore, lo vuole nel suo “campo di addestramento” per giovani piloti, i Cantieri del Giglio. Il cantiere si trova nei barr, i quartieri più degradati della città. Per questo i genitori si oppongono, ma anche loro sanno che i sogni e il talento di Jonas non si possono spezzare. Il ragazzo andrà ai cantieri, esprimendo i suoi pensieri e sentimenti e la sua storia si incrocerà con quella di Naki Delight, la sua amica del cuore, e della famiglia di Max Deveraux, talentuoso pilota e amico di Jonas; con altri piloti del cantiere, fra cui un gruppo di bulli che cui avrà alcuni problemi; con altre persone che lavorano ai Cantieri del Giglio; con la storia della morte di Monty, uno dei più bravi piloti del cantiere, di cui Jonas e Max vogliono scoprirne il mistero”.

Nata a Treviglio il 20 ottobre 1979, cresciuta a Bergamo, nel quartiere di Santa Lucia, Francesca Caldiani si è diplomata al Liceo Classico “Paolo Sarpi”, di Città Alta, e laureata in giurisprudenza all’Università degli Studi di Pavia, dove ha vissuto per quattro anni presso il Collegio Nuovo. Nel 2006 è diventata avvocato: dapprima, due anni di lavoro in Inghilterra, poi il ritorno a Bergamo, dove attualmente vive, dividendo il tempo tra famiglia (il marito e due figli), lavoro e  scrittura.

 

T.P.