A più di un anno e mezzo dalla conclusione dei lavori di riqualificazione del Centro di raccolta dei rifiuti, convenzionato con i comuni di Fiorano al Serio e Vertova, ed a seguito dei nuovi indirizzi gestionali da allora assunti è possibile fare un primo bilancio dei risultati ottenuti.
Partiamo da pochi numeri significativi: l’ultimo anno della vecchia gestione (giugno 2014 – maggio 2015), prima dell’esecuzione dei lavori, era costato ai tre comuni circa 177.000,00 euro; il primo anno della nuova gestione (luglio 2015 – giugno 2016) è costato ai tre comuni complessivamente circa 102.000,00 euro; abbiamo quindi ridotto le spese di circa 75.000,00 euro in un anno (- 42%) e i dati dei mesi più recenti sembrano confermare questo trend positivo.
La prima conseguenza diretta di tali risultati è la diminuzione della tariffa rifiuti a carico dei cittadini, dopo diversi anni nei quali i costi avevano subito un continuo aumento.
I fattori determinanti che hanno permesso di ottenere questi risultati sono sinteticamente i seguenti:
1) La riorganizzazione degli spazi del Centro, operata con i lavori del 2015, che ha consentito di ottimizzare le modalità di raccolta dei rifiuti, oltre a rendere gli spazi più ordinati e sicuri per tutti gli utenti.
2) Gli aggiornamenti e le modifiche apportate al regolamento che disciplina il funzionamento del Centro e le iniziative messe in atto dai tre comuni per sensibilizzare gli utenti sulle modalità più corrette per conferire i rifiuti: la riduzione consistente dei quantitativi di materiali costosi da smaltire (ingombranti, legno, inerti, ecc.) passa anche attraverso il rispetto e la conoscenza delle regole.
3) La scelta di mantenere in capo al comune di Colzate la responsabilità gestionale del Centro, garantendo la presenza in loco di un proprio operatore e il coordinamento amministrativo dell’Ufficio tecnico comunale, avvalendosi di ditte esterne solo per il supporto alla custodia, così da mantenere un controllo più diretto sui costi.
4) La riduzione del personale operante presso il Centro, ricondotto a due unità adeguatamente formate e addestrate, nel numero minimo indispensabile per garantire un corretta vigilanza e sorveglianza, senza incorrere nelle pesantissime sanzioni previste dalla normativa vigente sui rifiuti.
5) Da ultimo, ma non per questo meno importante, il proficuo lavoro fatto in questi mesi con le amministrazioni dei comuni convenzionati, cercando di condividere scelte ed obiettivi. E’ stato un compito impegnativo, a volte problematico, ma che ha evidentemente dato fino ad oggi buoni frutti.
Di certo esistono ancora margini di miglioramento su diversi aspetti, che potrebbero consentire ulteriori risparmi (ad esempio: regolamentazione e controllo degli accessi, riorganizzazione degli orari di apertura), pertanto il lavoro sin qui svolto non va abbandonato ma rilanciato, con l’impegno di tutti.

L’Amministrazione comunale