CIBOVICINO – Fiera del consumo consapevole è un’iniziativa nata all’interno del Gruppo di Acquisto Solidale (GAS) di Nembro e ora promossa dalla Cooperativa Gherim che, con la collaborazione del Comune di Nembro, dopo l’esito straordinario delle precedenti edizioni, propone la nona edizione per l’anno 2019.

LA COOPERATIVA GHERIM
La Società Cooperativa Gherim, è una cooperativa sociale con sede a Nembro (Bg) che si impegna per valorizzare i principi di giustizia, solidarietà ed equità garantiti dal commercio equo e solidale.
L’attività della cooperativa comprende la gestione a Nembro di una bottega e di un bar specializzati nell’offerta di prodotti del Commercio Equo e Solidale, biologici e a Km0.
Attraverso piccole azioni quotidiane Gherim cerca di garantire un mondo più giusto e la promozione di Cibovicino ne è un esempio concreto.

L’ OBIETTIVO
L’obiettivo della manifestazione CIBOVICINO è creare consapevolezza nel consumatore, facendo incontrare la passione e il lavoro dei piccoli produttori delle valli e della pianura bergamasca, nonché dei fornitori storici dei gruppi GAS del nostro territorio, e il bisogno – sempre più grande – dei consumatori di essere nella condizione di scegliere i prodotti che ritengono più compatibili con il proprio stile di vita e con l’ambiente.

IL PROGETTO CIBOVICINO 2019
CIBOVICINO 2019 conferma l’intento di promuovere una manifestazione che ha come priorità l’incontro e la conoscenza tra piccoli produttori prevalentemente locali e i consumatori. Ci si rivolge in particolar modo alle aziende agricole delle valli e della pianura bergamasca, che hanno optato per la “catena corta” della distribuzione, che propongono prodotti biologici o ecologici realizzati rispettando le condizioni dei lavoratori. La fiera del consumo consapevole vuole promuovere il prodotto vicino, tipico, biologico, coltivato secondo i migliori standard qualitativi. Per questo CIBOVICINO vuol fare incontrare produttori e consumatori senza intermediari: così il controllo da parte del consumatore può essere diretto, il produttore può lavorare bene ed essere pagato il giusto, e la qualità del prodotto è premiata.

PATROCINI ed ENTI PARTNER
La manifestazione CIBOVICINO è patrocinata da Provincia di Bergamo, Promoserio, Biodistretto, Confagricoltura, Coldiretti e C.I.A. Per la realizzazione si collaborerà con il Comune di Nembro, GAS Nembro, Promoserio, Oratorio di Nembro, Slow Food – Valli Orobiche

Il tema conduttore dell’edizione 2019 sarà PLASTIC-FREE = LA SPESA SENZA IMBALLAGGI DI PLASTICA.
Ma perché la plastica è un problema? La produzione mondiale di plastica è passata dai 15 milioni del 1964 agli oltre 310 milioni attuali. Ogni anno almeno 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani del mondo e, ad oggi, si stima che via siano più di 150 milioni di tonnellate di plastica negli oceani. Il 79% di questa plastica finisce nelle discariche e in tutti gli ambienti naturali, il 12% viene incenerito e solo il 9% riciclato (Gianfranco Bologna, WWF Italia, I numeri della plastica, https://www.wwf.it/news/notizie/?uNewsID=37160

L’80% dei rifiuti marini è costituito da plastica che arriva al mare attraverso i fiumi, il resto dalle imbarcazioni. Per via delle correnti ci sono 5 grandi isole di rifiuti negli oceani. L’isola di detriti a nord del Pacifico si stima di dimensioni tra i 700.000 km² e i 10 milioni di km² (la dimensione degli Stati Uniti). Le isole non vengono ripulite perché nessuno Stato riconosce i rifiuti come propri.

La plastica è entrata nella nostra catena alimentare, attraverso gli organismi marini, che ingeriscono minuscoli frammenti di plastica mescolati al plancton. Similmente accade sulla terraferma: la plastica non si decompone, si sbriciola! Si deteriora, nel corso dei secoli, in frammenti sempre più piccoli.

Ma quanti sanno di avere plastica nel proprio corpo? Sì, oltre il 90% della popolazione mondiale ne è soggetta, per una semplice ragione: ogni volta che bevi o mangi sostanze contenute o impacchettate in particolari tipi di plastica, stai bevendo e mangiando plastica; ogni volta che indossi abiti sintetici, il corpo è esposto all’assorbimento di plastica.

Ma allora che fare? Sicuramente serve una profonda inversione di rotta nelle nostre abitudini di acquisto, di consumo e di uso dei prodotti. Ma per capire meglio e saperne di più, ci confronteremo con chi ha già iniziato a cambiare modo di fare la spesa, con chi già sperimenta un modo diverso di organizzare i propri acquisti, con chi gestisce negozi dove i prodotti vengono venduti sfusi, con chi vive senza produrre rifiuti. Saranno nostri ospiti scrittori, blogger, autoproduttori e rivenditori che potremo ascoltare ed incontrare nello spazio della GRANDE TENDA.

Eventi che precedono la manifestazione

Nella serata di giovedì 12 settembre, ore 21.00 presso il cineteatro dell’Oratorio di Nembro, vi sarà la proiezione di “Domani”, per la regia di Cyril Dion e Mélanie Laurent, 2015.

Sabato 14 settembre dalle ore 10.00 alle ore 12.00 è prevista la visita alla Montello Spa a Montello (BG), azienda leader nel settore del recupero e riciclo dei rifiuti di imballaggi in plastica post consumo e dei rifiuti organici provenienti dalla raccolta differenziata.

Domenica 15 settembre, in Piazza della Libertà:
-Spazio fieristico, aperto per tutta la giornata;
-Bancarella del riciclo per lo scambio o il dono di oggetti ancora utili e in buone condizioni d’uso, aperto tutto il giorno.
Al mattino dimostrazioni di autoproduzioni casalinghe ( detersivi e detergenti) con Linda Maggiori, giornalista e scrittrice.
Al pomeriggio;
-laboratorio “Pizza” con sig. Giordano della pizzeria Marechiaro di BG
-laboratori del Gusto, in collaborazione con Slow Food – Valli Orobiche
-laboratorio interattivo per bambini “ Che festa?” a cura di GAS Nembro
-animazione per bambini con gioco a tema a cura di Greenpeace

Nella stessa giornata una Tenda in piazza sarà adibita a spazio di approfondimento, nel quale affronteremo il tema della Plastic-free = la spesa senza imballaggi di plastica
Relatori;
ore 14.30: Greenpeace introduce tramite un suo rappresentante
ore 15.00: a cura del negozio Leggero.it di Bergamo, “La spesa sfusa è possibile”
ore 15.30: Linda Maggiori, giornalista e scrittrice, “Vivere a rifiuti (quasi) zero è possibile?”
ore 16.00: intervento Coldiretti
ore 16.30: Federico Heidrich, appassionato di sostenibilità “Sacchetti biodegradabili monouso: prassi e alternative”
ore 17.00: dr. Limonta ditta LTecnoimpianti
Ore 17.30: Gianni Comotti e Cristian Zanchi, assessore e tecnico all’ecologia del Comune di Nembro, “La raccolta differenziata a Nembro, a che punto siamo? ”

Inoltre durante la Fiera saranno proposte:

• degustazioni promozionali dei prodotti esposti, di cui è ammessa la vendita;
• pranzo solidale presso la Bottega Cooperativa Gherim