Il Memorial Giuseppe Birolini “Toma” compie dieci anni e assegna i titoli regionali della Montagna. La gara ciclistica amatoriale dedicata al campione albinese è infatti stata scelta quest’anno dall’Acsi come Campionato Lombardo di specialità, ulteriore motivo di richiamo per una corsa sempre molto partecipata, non solo dagli atleti bergamaschi ma anche dagli extraprovinciali, desiderosi di cimentarsi con le prime salite della stagione.
L’appuntamento è sabato 29 aprile, con partenza alle 15 da Albino e arrivo al Colle Gallo, passo tra i più noti e significativi per le corse in Bergamasca, dove sorge anche il santuario della Madonna dei ciclisti.
Ritrovo e quartier generale sono stati confermati in piazza Pio La Torre, con l’ospitalità del bar New Square. Nuovo e più impegnativo, vista la posta in palio, il percorso, che si allunga di qualche chilometro rispetto alle precedenti edizioni per un totale di 14, e, soprattutto, presenta una salita in più, quella di Vall’Alta. La prima parte, fino all’innesto con la strada per Cene, sarà affrontata a passo turistico, dopodiché scatterà la gara vera e propria. Il primo strappo, breve ma impegnativo, sarà quello per Vall’Alta, dove probabilmente avverrà la prima selezione. Seguiranno la discesa per fare ritorno sulla strada provinciale e il tratto in falsopiano fino alla nuova salita, in località Dossello: circa 5 chilometri con pendenza media del 7% prima di tagliare la linea del traguardo.
Le iscrizioni si aprono alle 13.30. La gara è rivolta ai tesserati dell’Acsi e di tutti gli Enti di promozione sportiva, di tutte le 11 categorie previste (dai 15 anni gli over 70 nel maschile e Donne). Come nelle scorse edizioni, il Memorial è anche una prova, la seconda, del Trofeo dello Scalatore Orobico, l’ambita classifica articolata in 24 appuntamenti, che si concluderà a settembre.
La corsa è stata istituita nel 2008 dalla famiglia Birolini, in occasione della pubblicazione del libro che ripercorre le imprese sui pedali negli anni Trenta e Quaranta di Giuseppe, meglio conosciuto in paese con il soprannome di “Toma” e per la storica attività di commercio di legna e carbone, oggi di servizi per il riscaldamento. Oltre che per il Campionato regionale e per il nuovo percorso, l’edizione del decennale è speciale perché cade nel centenario della nascita del corridore, che veniva alla luce ad Albino il 15 maggio del 1917 e nella sua carriera sportiva (tra il 1935 e il 1942) raccoglieva numerosi successi, tra cui due titoli provinciali dilettanti e un terzo posto nella Coppa Italia con la squadra dell’Unione Ciclistica Bergamasca.
Per quanto riguarda la storia della manifestazione, il debutto è stato a Sorisole. L’anno successivo è approdata sulle strade di casa del “Toma”, dapprima con il percorso Albino-Valle Rossa, in seguito con traguardo al Colle Gallo. Caratterizzatasi presto per l’ampia partecipazione (il record è di 136 partenti, che per le gare in salita non è poco) ha visto tra i vincitori anche un fuoriclasse come il campione di Mtb Oscar Lazzaroni e amatori iridiati e tricolori, a partire dal varesino Mauro Galbignani. Nell’albo d’oro della gara anche l’albinese Andrea Vassalli, vincitore di tre edizioni, mentre lo scorso anno il successo è andato a Fabio Fadini, di Villa di Serio.
L’organizzazione è curata da Amici Ciclismo Acsi Bergamo, dell’instancabile presidente Gianfranco Fanton, e da Alex Beloli. Info: Comitato Acsi Bergamo (tel. 035 566719), Alex Beloli (339 6439416).