Ciechi per un giorno!

Noi alunni delle classi terza A e B, quarta U, quinta A, B, U abbiamo aderito alla proposta dell’associazione sportiva “Omero” dei disabili visivi, per farci conoscere la realtà delle persone non vedenti o ipovedenti.

 

Siamo stati molto contenti, perché abbiamo conosciuto delle persone speciali: Margherita e Lorenzo (non vedenti) e il loro accompagnatore Franco. Tutti insieme siamo andati in palestra dove ci hanno consegnato una benda ciascuno. Poi, abbiamo fatto vari esercizi: ci hanno fatto gustare ad occhi chiusi le caramelle e dovevamo indovinarne il gusto; poi, sempre ad occhi chiusi, abbiamo toccato una verdura o un frutto e dovevamo dire di quale verdura o frutta si trattasse.

Quindi, siamo andati in aula d’immagine a vedere un filmato sugli sport praticati dai ciechi dell’associazione “Omero”, nata nel 1985, per avvicinare allo sport tutti i ragazzi non vedenti e ipovedenti.

Negli anni è cresciuta: dalle passeggiate in montagna è arrivata a partecipare a gare agonistiche di livello nazionale e internazionale, conquistando successi e medaglie d’oro.

Margherita e Lorenzo ci hanno parlato della loro vita da ciechi, come scrivevano con il braille e come leggevano. Margherita ci ha mostrato alcuni strumenti: un telecomando che segna il colore dei vestiti e fa diversi suoni se la luce della casa è accesa o spenta.

È stato bellissimo provare la sensazione di essere ciechi…, ma che fatica!

 

Ecco le impressioni di alcuni di noi:

Le persone cieche possono condurre una vita simile alla nostra…

Di fronte alle difficoltà non bisogna arrendersi, ma…tirare fuori la grinta, come ha fatto la signora Margherita.

Le persone non vedenti…possono fare ancora tante cose, anche se hanno perso la vista!

I ciechi hanno perso l’uso di uno dei cinque sensi, ma gliene rimangono ancora quattro!

Essere ciechi costa fatica…

Le persone che non ci vedono hanno molto coraggio

Non sapevo che le persone cieche potessero vivere da sole, cucinare, fare vacanze da soli…

Molto interessante vedere gli strumenti che utilizzano…il tester colori…l’alfabeto braille…il bastone pieghevole…