“Compagnia Arcieri Valgandino”: tra sport, volontariato e beneficienza

La scorsa estate, il Monte Farno, rilievo che sovrasta il Comune di Gandino, ha ospitato la 4^ edizione del “Weekend dell’arciere”, ovvero una gara di tiro con l’arco organizzata dalla “Compagnia Arcieri Valgandino”.

 

L’occasione ha richiamato oltre un centinaio di appassionati di tiro con l’arco, provenienti da tutta la Lombardia, i quali, su un percorso costituito da 20 piazzole di tiro poste nei pressi della ex-Colonia, si sono cimentati nella competizione. Da qualche anno a questa parte infatti, questo evento richiama un notevole numero di partecipanti, vista la predisposizione del territori al cosiddetto “tiro di campagna”.

Il tiro di campagna, per chi non lo sapesse, consiste nella simulazione di una situazione-tipo di caccia con l’arco e si ottiene allestendo il campo di gioco con sagome 3D (tridimensionali) di animali-preda, poste fino a 40 metri di distanza, in modo da ottenere una maggiore dinamicità di tiro. Inoltre, la zona, classificabile su di un livello medio-alto di difficoltà, si presta anche come luogo di allenamento per molti arcieri professionisti, che sfruttano l’opportunità per prepararsi al meglio in vista degli imminenti campionati italiani che si terranno a Bologna il prossimo autunno.

La competizione del Monte Farno ha attirato anche molti escursionisti di passaggio, i quali, molto incuriositi, si sono soffermati ad ammirare le performance degli atleti.

Inoltre, la gara domenicale ha avuto un simpatico anticipo durante la serata di sabato, con una divertente gara a quiz mista ad una prova di abilità con l’arco, ideata da Billy, uno degli organizzatori. Ma di fondamentale importanza è stata la lotteria; infatti, al termine delle premiazioni, la Compagnia Arcieri Valgandino ha devoluto l’intero incasso della lotteria alla Croce Rossa della sezione Valgandino, tramite il simbolico dono di un assegno formato-maxi con riportata la cifra della donazione.

“Un atto doveroso, segno tangibile del radicamento sul territorio della Compagnia – ha affermato il presidente Giovanni Savoldi di Gazzaniga – nonché dell’importanza di coniugare sport, volontariato e beneficienza, temi di fondamentale importanza per questa associazione affermata ormai da ben 14 anni”.

La Compagnia Arcieri Valgandino, infatti, è nata nel 2000, come associazione sportiva affiliata – con la sigla 04CAVG – alla FIARC (Federazione Italiana Arcieri Tiro di Campagna), per la valorizzazione e la diffusione del tiro istintivo e mirato con l’arco. Una disciplina molto interessante: i bersagli in movimento, il tempo, la morfologia del terreno, i giochi di luce nel bosco, creano infatti difficoltà nel tiro, ma allo stesso tempo rendono questa attività unica ed originale, da praticare da soli o in compagnia.

La Compagnia, poi, ha come ulteriore obiettivo quello di portare avanti una tradizione secolare, che ha caratterizzato la vita dei nostri antenati, permettendo loro di procurarsi il fabbisogno giornaliero di cibo, ma anche di difendersi da eventuali attacchi esterni. Ma non è tutto. La Compagnia organizza anche corsi di livello base o avanzati, per imparare la pratica del tiro con l’arco anche nelle scuole, mediante l’insegnamento di istruttori certificati FIARC.

 

Silvia Pezzera