E’ settembre. Albino ha appena lasciato alle spalle l’allegria e la voglia di divertimento delle due feste dell’Oratorio che chiudono la stagione estiva, quelle di Albino e Comenduno. Già si è in pista, a Desenzano al Serio, con i preparativi della festa della Madonna della Gamba. Ma intanto, la comunità di Albino si stringe intorno alla Vergine Addolorata. Molti, in città, in particolare nella comunità parrocchiale di San Giuliano di Albino, stanno partecipando al tradizionale “Settenario” che anticipa la festa della Madonna del Pianto (o Madonna Addolorata), in calendario sabato 15 settembre, ma spostata alla domenica successiva, cioè il 16 settembre. Si tratta di un appuntamento importante, di forte devozione popolare, che anima il santuario della Madonna del Pianto, che si affaccia sulla strada provinciale di Val Seriana, davanti alla rotatoria d’ingresso al centro storico, per l’occasione da più di una settimana addobbato in gran parata con luci e nastri colorati.
Il “Settenario” ha preso il via in modo solenne domenica scorsa; quindi, una serie di predicazioni e Messe, tutti i giorni, alle 17, alla presenza del cappellano del santuario mariano don Giuseppe Ravasio.
Il momento più vivo di partecipazione popolare è previsto per sabato 15 settembre, quando, alle 20.30, dalla chiesa prepositurale di San Giuliano, partirà una processione verso il santuario della Madonna del Pianto, percorrendo via Mazzini e il centro storico. Qui, un momento di riflessione e la benedizione. Domenica 16 settembre, infine, tre Messe mattutine, alle 7.30, alle 9 e alle 10.30; nel pomeriggio, alle 16, Vespri e Rosario, alle 17, la Messa.
Il Tempio della Madonna del Pianto è particolarmente caro agli albinesi. E non sono pochi coloro che, di passaggio lungo la strada provinciale, sostano per una preghiera. La tradizione vuole che la terza domenica di settembre si celebri il “Settenario”, mentre alla seconda domenica di maggio si festeggi il Miracolo della Madonna del Pianto, che quest’anno ha tagliato il traguardo del 363° anniversario.
Da segnalare, che tutte le notizie sul santuario sono presenti sul nuovo sito internet, in funzione da cinque anni: uno strumento a disposizione per tutti coloro che sono interessati alla conoscenza dei fatti del passato e desiderano esprimere la loro devozione alla B. V. Maria del Pianto, in particolar modo utilizzando l’aspetto dell’informazione. Inoltre, la storia del miracolo e del santuario è illustrata in un libro di Oleg Zastrow, dal titolo “Santa Croce e la Madonna del Pianto ad Albino: due chiese in un santuario”.

P.S.