Concluso l’accordo con i proprietari per il piano di lottizzazione “Uccellandina”

Non accenna a placarsi la verve operativa dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Riccardo Cagnoni. Tante le opere in fase di realizzazione, e altrettante quelle messe in cantiere, che verranno inserite quest’anno nell’agenda dei lavori pubblici 2014. Per esempio, dopo numerosi incontri tra i tecnici e tra i proprietari e l’Amministrazione Comunale, è stato recentemente concluso l’accordo sul piano di lottizzazione denominato “Uccellandina”. In verità, l’iter burocratico era stato avviato già diversi anni fa, ma nel corso degli anni aveva trovato numerosi ostacoli, che ne avevano frenato il percorso di attuazione: tra i tanti, nel 2011, l’approvazione del nuovo PGT (Piano di Governo del Territorio), che è più restrittivo rispetto al vecchio PRG (Piano Regolatore Generale), che per anni aveva disciplinato l’urbanistica del territorio vertovese.

Proprio per salvaguardare alcuni accordi faticosamente raggiunti in precedenza, il PGT aveva concesso alle proprietà una deroga di sei mesi entro i quali potevano presentare il progetto, applicando, in salvaguardia, le regole del vecchio PRG, che era meno restrittivo nel vigente PGT.

Il progetto coinvolge circa 25 proprietari, per 12 lotti, su un’area di 10.644 mq dove è possibile erigere per una volumetria di 9.000 metri cubi. La superficie copribile, comunque, sarà di 2.661 mq.

Il costo complessivo delle opere di urbanizzazione primaria per strade, parcheggi, marciapiedi, illuminazione, fognatura e altro ancora è di circa 500.000 € più 59.000 € per il marciapiede in via Orti, a cui si devono aggiungere 121.000 € di monetizzazioni.

Ovviamente, come per tutte le altre lottizzazioni, le spese saranno interamente a carico dei lottizzanti che, al termine dei lavori,cederanno al Comune gratuitamente le opere realizzate.

Il progetto, presentato dai proprietari e vagliato dall’Ufficio Tecnico, è già stato sottoposto ad alcune modifiche tecniche, che portano a soddisfare le esigenze sia dei proprietari che del pubblico interesse.

Ora, il progetto dovrà seguire alcune “tappe” tecniche obbligatorie, per arrivare alla formale e definitiva approvazione della convenzione da parte del Consiglio Comunale.

Il primo “step” sarà l’adozione del progetto in consiglio comunale. Un passaggio amministrativo che è previste entro questo mese di gennaio. Trascorsi i 60 giorni previsti dalla normativa vigente, il progetto ritornerà in consiglio comunale per la definitiva approvazione: si pensa entro il prossimo mese di marzo.

 

Ti.Pi.