Contributi sociali

 

Cari Albinesi,

 

è necessaria una seria riflessione e revisione delle modalità con cui vengono erogati i contributi alla persone in difficoltà.

Un dato può essere utile per comprendere la reale situazione in cui versa il capitolo di spesa relativo agli aiuti economici, infatti, degli 80.000 € che erano stati stanziati a bilancio dall’amministrazione precedente ne sono rimasti solo 61,18!!! Sì, avete capito bene in poco più di 5 mesi sono stati erogati praticamente tutte le risorse che erano stanziate a sostegno delle persone in difficoltà economica.

Uno dei primi atti dell’amministrazione di cui ho l’onore di far parte è stato quello di integrare questo capitolo per l’importo di 28.000 €, attraverso l’individuazione di minori spese nelle pieghe del bilancio, soldi che saranno necessari per pagare bollette e affitti già ricevuti dai servizi sociali negli scorsi mesi.

Una situazione estremamente difficile che si innesta in un sistema sociale sempre più drammatico.

Per questi motivi il mio assessorato interverrà, nel pieno rispetto della legge, al fine di assicurare gli aiuti a chi effettivamente ne ha diritto, evitando che i contributi economici dati dal Comune diventino mero assistenzialismo!!!

L’epoca dei contributi sociali a fondo perduto è finita, adesso troveremo le modalità operative per porre queste persone nella condizione di “restituire” in modo equo e giusto, con piccole attività, ciò che ricevono direttamente dal Comune o attraverso altre iniziative come il pacco alimentare.

In questo nuovo indirizzo politico sicuramente si inserirà l’impiego, ove possibile, dei lavoratori socialmente utili.

Tutti i fruitori dei contributi comunali e delle altre forme di sostegno che il Comune dà devono aver ben chiaro che il perdurare della crisi economica e le ristrettezze delle risorse pubbliche impongono di ripensare il sistema di welfare e che quindi ciò che un tempo era, impropriamente, considerato dovuto oggi non lo è più!

Daniele Esposito, Assessore ai Servizi Sociali