Con la consegna degli attestati, si è concluso lo scorso 30 ottobre, presso l’Oratorio di Albino, il laboratorio di modellaggio artistico “Creatività in 3D, sculture in cartapesta”, organizzato dal Gruppo Noialtri, l’associazione di volontariato che da vent’anni opera in Val Seriana nell’ambito della disabilità. L’iniziativa ha coinvolto un folto gruppo di partecipanti: 14 ragazzi diversamente abili, affiancati da 11 volontari, guidati dall’esperta in arteterapia Lianne Schreuder.
Durante gli incontri di laboratorio, i partecipanti hanno lavorato con reti metalliche leggere, carta di giornale, colla, colori sintetici e, attraverso il modellaggio della cartapesta, hanno realizzato curiosi e simpatici animali, mettendoci buon impegno e fantasia. Il divertimento non è mancato, come pure una certa confusione, ma sicuramente nei volti dei ragazzi si leggeva la soddisfazione di aver creato con le loro mani fantastiche sculture.
“A tal proposito, il Gruppo Noialtri intende allestire ad Albino una mostra delle opere artistiche nate da questo laboratorio – spiega la referente Gabriella Bolandrina – Per ora l’idea è in fase di elaborazione, ma faremo in modo di pubblicizzarla in tempo utile. A chiusura del percorso, poi, intendo rivolgere un ringraziamento particolare al curato di Albino don Andrea Pressiani, per averci messo a disposizione i locali per lo svolgimento delle attività e al portinaio che ci ha facilitato l’accesso all’oratorio. Un grazie immenso a Lianne Schreuder, che da anni collabora con la nostra associazione, ma soprattutto ai volontari che, con la loro preziosa presenza, ci hanno consentito di intraprendere questo bellissimo percorso”.
Il Gruppo Noialtri è sempre in progress. Altre due proposte di laboratorio sono previste per il 2019: un percorso di ballo e di animazione, che si terrà presso l’oratorio “Immacolata” di Alzano Lombardo, nel periodo fra gennaio e marzo, condotto dalla maestra di ballo Mery Anesa; e un percorso innovativo di “yoga della risata” che avrà luogo presso l’oratorio di Pradalunga, da marzo a maggio, sotto la guida della formatrice Sara Cortesi.
“Si tratta di iniziative che nascono come proposte di aggregazione per ragazzi con disabilità – continua Gabriella Bolandrina – Ma sono assolutamente aperte anche alla partecipazione di altre persone, giovani e meno giovani, disponibili a vivere un’esperienza di volontariato. Credo che sia un’occasioni di crescita personale e sociale da non lasciarsi sfuggire”.
Per adesioni o informazioni: 347.9514670 (Gabriella Bolandrina).

Ti.Pi.