Ormai, è una manifestazione consolidata, quasi “storica” ad Albino, un “must” per chi vuol passeggiare fra i boschi della Valle del Lujo e, di contro, una delle più classiche “non competitive fra quelle inserite nel calendario provinciale CSI. Stiamo parlando della “Camminata nella Valle del Lujo”, una manifestazione podistica che cresce, anzi migliora, con gli anni, non tanto a livello numerico (siamo ormai alla 28^ edizione), quanto per i consensi e gli apprezzamenti che riceve ad ogni tornata: patrocinio dell’assessorato allo Sport e Politiche Giovanili del Comune di Albino, ma soprattutto sostegno organizzativo e logistico del CSI di Bergamo e “spinta” di diversi sponsor, che credono in questo evento. Una crescita costante e continua, che sa tanto di maturità raggiunta: vuoi per i suoi aspetti sportivi (nel 2005 ricevette il premio provinciale CSI come “camminata dell’anno”), vuoi per la sua ricaduta solidale. Al di là dell’evento podistico, la camminata è un’occasione d’incontro, di aggregazione, di festa, dove si può compiere anche un gesto concreto di solidarietà. Infatti, una parte del ricavato verrà devoluto alla “Ciudad de los Ninos” di Cochabamba, in Bolivia, dove per anni ha operato il missionario bergamasco don Santino Nicoli, originario di Casale di Albino, ora arciprete di Nembro, e dove ora opera l’ex-curato di Albino, don Gian Luca Mascheroni, in veste di direttore
Quindi, oltre all’opportunità di far conoscere ed apprezzare le bellezze naturalistiche della valle, toccando i suoi angoli più belli e affascinanti, come i sentieri che corrono alle spalle di Dossello, o il “sentiero del Castagno”, a Casale, la “Camminata nella Valle del Lujo” ha un’interessante ricaduta solidale, che non guasta.
Appuntamento, allora, per domenica 27 maggio, presso il campo sportivo di Dossello. Si tratterà di salire e scendere i sentieri e le mulattiere della Valle del Lujo, lungo tre tracciati, di 8, 13, 18 chilometri, con partenza e arrivo a Dossello. La marcia è valida per il concorso provinciale CSI Bergamo.
Il ritrovo dei partecipanti è alle 7.00. In campo, un bel gruppetto di volontari, in rappresentanza delle frazioni di Abbazia, Casale, Dossello, Fiobbio e Vall’Alta, che da sempre uniscono le loro forze in questa manifestazione. Responsabile della manifestazione è Nunzio Carrara, di Fiobbio. Tre, come detto, i percorsi, ma certamente il più interessante è quello che porterà i podisti verso il “Parco del Castagno”, sopra l’abitato di Casale, la “Cima Coppi” della camminata. L’assistenza medica è assicurata dalla Croce Verde di Colzate.
Le partenze avvengono dalle 7.30 alle 9. L’inizio delle premiazioni è previsto per le 10. Al traguardo, gli organizzatori hanno previsto un ricco rinfresco: panini, vino, bevande, tè caldo, marmellata e miele.
A tutti i partecipanti, poi, verrà consegnata una borsa con generi alimentari.
Nutrito il montepremi. Oltre ai premi individuali, sono previsti riconoscimenti per i gruppi più numerosi, per il concorrente più anziano, per la signora meno giovane, per il bambino e la bambina più piccoli. E anche premi a sorteggio.

TP