Elevazioni Musicali 2014

La tradizione prosegue. E così, come ormai capita da 12 anni, l’autunno culturale albinese propone la rassegna “Elevazioni Musicali”, una serie di concerti commemorativi, organizzata dalla Parrocchia di San Giuliano e dai Frati Cappuccini di Albino, in collaborazione con il Comune di Albino, la Provincia di Bergamo (assessorato allo Spettacolo), la Comunità Montana Valle Seriana, la Regione Lombardia. Si tratta di quattro “concerti-ricordo”, con direttore artistico Gianluigi Carrara, che presentano alla comunità albinese alcuni anniversari di grande significato storico, artistico e religioso, che arricchiscono la storia civica di Albino. Concerti, peraltro, tutti gratuiti, con inizio alle 20.45.

 

La prima elevazione musicale è in programma giovedì 2 ottobre, presso la chiesa del convento dei Frati Cappuccini. Protagonista è l’arpista Eleonora Volpato. Il concerto punta a ricordare fra Cecilio Maria Cortinovis (1885-1984), Servo di Dio. Originario di Nespello di Costa Serina, diventa frate cappuccino nel 1908. Trascorre a Lovere l’anno di noviziato, che continua poi ad Albino e a Cremona. Quindi, è al Convento dei Cappuccini di Monforte, in viale Piave a Milano, dove, come portinaio e questuante per i poveri della città, percorre a piedi chilometri e chilometri di strada. Nel 1959 fonda e dirige l’”Opera San Francesco per i poveri”, a servizio degli emarginati e delle persone più provate.

Il concerto di sabato 11 ottobre, preso la chiesa di San Bartolomeo, vede come protagonista il trio composto da Michela Podera (flauto traverso), Davide D’Agostino (oboe) e Camilla Di Pilato (fagotto). L’elevazione musicale intende ricordare la canonizzazione di San Giovanni Paolo II, il cosiddetto “Papa dei Giovani”.

Cambio di registro per il terzo concerto, in programma sabato 18 ottobre, preso la chiesa di San Bartolomeo. Si celebra il 30° anniversario della morte di Libio Milanese, da tutti stimato ad Albino, per aver speso una vita per l’Oratorio. In suo onore, un concerto per violino con Roberto Arnoldi.

L’ultimo concerto, infine, in programma sabato 25 ottobre, presso la chiesa prepositurale di San Giuliano, è un concerto dell’orchestra “Carlo Antonio Marino” (dedicata all’omonimo violinista e compositore di origine albinese, che a cavallo fra il 1600 e il 1700 ebbe fama in tutta Europa e che fondò la prima scuola violinistica bergamasca), diretta dal maestro Natale Arnoldi, che vuol ricordare la canonizzazione di San Giovanni XXIII, “il Papa della bontà”, acuto regista del Concilio Vaticano II.

Le “Elevazioni musicali” sono ormai un appuntamento imperdibile per Albino e la Bergamasca. Protagonisti, come detto, l’Associazione Culturale “Carlo Antonio Marino”, la Parrocchia di San Giuliano e i Frati Cappuccini di Albino: un “trinomio” ormai quasi inscindibile, che corre sui binari della promozione culturale e artistica, in particolare musicale, per offrire alla comunità albinese un prodotto di alta qualità, cioè concerti di livello professionale, senza dimenticare la contingenza della storia minore, con appuntamenti che richiamano anniversari di forte rilievo culturale e religioso.

 

Giuseppe Carrara