Anche in estate sale alla ribalta delle cronache la frazione di Fiobbio, in Valle del Lujo. Certo, è il paese natale della Beata Pierina Morosini, il cui ricordo si sviluppa in varie iniziative per tutto l’anno, ma in estate la comunità si anima per la festa patronale di S.Antonio di Padova, al quale è dedicata la chiesa parrocchiale. In verità, la ricorrenza liturgica di S.Antonio di Padova cade il 13 giugno, ma a Fiobbio è tradizione che venga posticipata ad agosto, per dar modo alla comunità di vivere con partecipazione la gioia della festa, fra famiglie, parenti e amici, proprio durante il Ferragosto, in un clima di allegria e amicizia.
La sagra si svolgerà presso il campo sportivo dell’Oratorio, tutte le sere da giovedì 9 a domenica 19 agosto. E’ tradizione che ad aprire il lungo “serpentone” di festa sia la sagra popolare, alle 19, con l’apertura del punto-ristoro, che presenta tutte le sere un menu squisitamente assortito; alcune serate offriranno anche specialità culinarie bergamasche. Come sempre ci sarà un’ampia area di gonfiabili e altri giochi per il divertimento sicuro dei bimbi e dei ragazzi. Tutte le sere ci sarà l’animazione musicale.
Il programma dettagliato è consultabile sul sito della parrocchia: www.beatapierinamorosini.com.
“Ogni anno, la festa patronale di Fiobbio cerca di mettere in evidenza un aspetto della ricca personalità e dell’esemplare santità di S.Antonio di Padova – spiega il parroco don Michelangelo Finazzi – Nell’edizione 2018 desideriamo sottolineare la sua attività missionaria, partendo dal suo desiderio giovanile di partire per l’Africa, sull’esempio dei primi francescani martiri del Marocco, che l’avevano molto impressionato, fino all’instancabile predicazione svoltasi in Francia e in Italia fino alla sua morte. In S.Antonio di Padova l’annuncio del Vangelo andava sempre di pari passo con la promozione umana e il riscatto sociale, pur senza fermarsi ad essi, come auspica Papa Francesco nella sua esortazione apostolica “Evangelii Gaudium”. Oltre alla riflessione e alla preghiera, metteremo in atto un gemellaggio con i nostri Missionari in Costa d’Avorio, dove sta per essere costruita una nuova chiesa, dedicata proprio alla nostra Beata Pierina Morosini. Sarà presente tra noi don Giandomenico Epis, un prete diocesano bergamasco che opera in quella missione da quindici anni. La Comunità di Fiobbio si è già attivata a raccogliere fondi per questo bel progetto e ad esso dedicherà anche l’introito della prima serata della sagra e le offerte raccolte il giorno della festa patronale”.
Naturalmente, il centro di tutta la festa sarà domenica 12 agosto, con la Messa solenne, alle 17, cui seguirà la processione in onore del Santo, presieduta da don Santino Nicoli, che verrà festeggiato per il suo 40° anniversario di ordinazione sacerdotale e ringraziato per il servizio di Vicario Locale svolto in questi anni. Alle 22, poi, il tradizionale spettacolo di fuochi d’artificio.
Nella serata conclusiva, domenica 19 agosto, sarà fra le gente di Fiobbio don Luca Signori, prete novello bresciano, il cui padre è originario proprio di Fiobbio e parente della Beata Pierina. Sarà lui a presiedere la S.Messa delle 18.

Sara Nicoli