Conosciuta e frequentata da numerosi pellegrini in Bergamasca, e non solo, per essere il paese che ospita il santuario di San Patrizio (la sua immagine è il simbolo della Comunità Montana Val Seriana), Colzate festeggia venerdì 22 settembre il patrono San Maurizio, a cui è dedicata la chiesa parrocchiale. Insieme alla festività di San Patrizio (è in calendario il 17 marzo), è certamente l’evento più importante dell’anno liturgico, che vede protagonisti non solo i residenti, e con loro gli abitanti della Media Valle, ma anche diversi gruppi di alpini del territorio seriano, essendo il “generale della legione tebana”, San Maurizio appunto, patrono degli alpini.
La festa prende il via mercoledì 20 settembre, alle 20.30, con un momento di preparazione e le Sante Confessioni per giovani e adulti. Quindi, giovedì 21 settembre, vigilia della festa patronale: alle 16.30, ancora un momento di preparazione e le Sante Confessioni, ma questa volta per i ragazzi delle scuole elementari e medie; alle 20.30, S.Messa solenne, accompagnata dal coro parrocchiale “Beata Chiara Badano”; al termine, corteo di preghiera dalla chiesa parrocchiale al campo sportivo e tradizionale, quanto beneaugurante, falò, come segno di purificazione e consacrazione; quindi, un rinfresco. Accompagnerà la serata il Corpo Bndistico di Colzate.
Ed eccoci a venerdì 22 settembre, solennità di San Maurizio e compagni martiri: alle 10, Messa solenne, presieduta dal parroco don Paolo Biffi; alle 17, adorazione eucaristica e benedizione; alle 20.45: elevazione musicale in onore di S.Maurizio con brani organistici eseguiti dal maestro don Ilario Tiraboschi sull’organo “Luigi Balicco Bossi” (una delle più note botteghe organare della Bergamasca), realizzato nel 1901, e restaurato lo scorso anno dalla ditta “Pietro Corna, costruzione e restauro organi a canne” di Casnigo.

Ti.Pi.