Fiobbio: festa patronale di S.Antonio

Tradizionale festa patronale di S.Antonio di Padova per la comunità di Fiobbio. Si tratta dell’evento più importante dell’anno, che vede protagonisti non solo i residenti, che vi partecipano in rappresentanza di tutti i gruppi di volontariato, ma anche alcuni gruppi di emigranti, ormai un ridotto numero, che ogni estate, tornano per le vacanze al loro paese d’origine, provenienti dalla Francia, dalla Svizzera e dal Belgio. In effetti, la ricorrenza liturgica di S.Antonio di Padova cade il 13 giugno, ma a Fiobbio è tradizione che venga posticipata ad agosto, per dar modo alla comunità di vivere con partecipazione la gioia della festa, fra famiglie, parenti e amici, in un clima di allegria e amicizia.

 

La festa, quest’estate, si articola nella sua parte di preparazione religiosa da venerdì 1° agosto fino a mercoledì 6 agosto, con la tradizionale novena. Anzi, l’avvio ufficiale è proprio venerdì 1° agosto, alle 20.30, con la S.Messa di apertura dei festeggiamenti. Durante la novena, si vivranno i tradizionali momenti di preparazione: riconciliazione, adorazione eucaristica, Perdono di Assisi, preghiera comunitaria, meditazione guidata, S.Messa al campo con il mandato ai volontari.

Giovedì 7 agosto, poi, apertura della sagra popolare, è in programma la tradizionale “serata di beneficenza”: il ricavato verrà destinato a progetti di alto livello solidale.

Il momento centrale delle celebrazioni liturgiche è previsto per domenica 10 agosto: le prime Messe sono alle 8 e alle 10.30; quindi, alle 17, S.Messa solenne concelebrata, alla presenza dei sacerdoti delle parrocchie della Valle del Lujo, di coloro che hanno svolto il loro ministero a Fiobbio e dei sacerdoti del Vicariato Albino-Nembro. A seguire, la tradizionale processione con la statua di S.Antonio, che verrà portata a spalla per le vie del paese, animata dalla comunità Shalom di Palazzolo sull’Oglio. Al termine, la benedizione. A seguire, alle 22, i tradizionali fuochi d’artificio.

La festa patronale di S.Antonio di Padova, però, ha anche una parte ludico-ricreativa, propria da sagra paesana. Da giovedì 7 agosto, e per tutti i giorni della festa, la comunità si offre con una veste popolare, con ristoro fino domenica 17 agosto. Tutte le sere, cucina nostrana a partire dalle 19, musica e ballo con orchestra, pesca di beneficenza, tombole e giochi gonfiabili per i bambini, presso il campo sportivo.

Da segnalare giovedì 14 agosto, vigiia della festa dell’Assunta, il concerto “cover” dei Nomadi: sul palco gli “Atomika”

 

Sara Nicoli