Una giornata speciale dedicata alla “magia” del dono. Nella sala consiliare di Palazzo Frizzoni, sede del Comune di Bergamo, l’Avis Comunale Bergamo ha premiato i donatori più meritevoli, coloro che hanno effettuato dalla loro prima donazione al 31 dicembre 2015 più di 120 donazioni. A essere insigniti dell’importante riconoscimento, ricevendo una Benemerenza con Diploma dal sindaco Giorgio Gori e dal direttivo dell’Avis sono stati otto avisini: Enrico Armentini, Angelo Brignoli, Giorgio Cividini, Barbara Cuni Berzi, Marcello Leidi, Antonello Lorenzi, Luca Mazzucchelli e l’albinese Domenico Mella. Sette uomini e una donna distintisi per valore e generosità, diventando così protagonisti della “Giornata del Donatore”, l’iniziativa che da sempre Avis Comunale Bergamo dedica ai suoi soci più attivi, per ricordare l’importanza del dono, principio fondante dell’associazione.
“La Giornata del Donatore – ha commentato Roberto Guerini, presidente di Avis Comunale Bergamo – è per noi un momento molto importante: è nata con la stessa Avis Comunale Bergamo e nel 1970 è stata valorizzata anche grazie all’attenzione dell’amministrazione cittadina. Una vicinanza che tutt’ora è presente e che oggi, ancora una volta, ci ha visti consegnare questi riconoscimenti proprio a Palazzo Frizzoni. Perché siamo convinti che lo spirito del dono faccia bene non solo a chi dona e a chi riceve, ma all’intera cittadinanza, all’intera comunità. Per questo, ringrazio i nostri premiati e dico a tutti voi: donate, donate, donate”.
“La donazione di sangue è un gesto di grandissimo valore civile – ha sottolineato il sindaco di Bergamo Giorgio Gori – E’ anche per questo motivo che da oltre 30 anni l’amministrazione comunale apre le porte della Sala del Consiglio Comunale in occasione della cerimonia di consegna delle benemerenze AVIS. Si tratta di un momento dall’alto valore simbolico, un riconoscimento a chi dona una parte di sé a beneficio degli altri. In particolare, a chi ha superato le 120 donazioni”.
“E’ da tanti anni che dono sangue – ha spiegato Domenico Mella, 60 anno, da 25 anni residente ad Albino – Nel corso della mia “carriera” di donatore ho effettuato 125 donazioni e spero di farne ancora tante. Per le donazioni, mi reco a Monterosso; sono uno dei 3.000 donatori che donano sangue a Bergamo. Ma tantissimi altri ce ne sono in Bergamasca, una delle province più “generose” d’Italia”.

Ti.Pi.