I soliti noti colpiscono sempre. E anche a Trescore capita spesso di imbattersi in rifiuti abbandonati, in ricettacoli maleodoranti, in sacchetti lasciti qua e là, dove si trova di tutto: dai rifiuti ingombranti agli elettrodomestici, dai materiali edili e ferrosi ai resti organici e vegetali, dai mobili ai sacchetti di plastica. Fortunatamente da qualche anno è cresciuta la sensibilità ambientale, e ad ogni inizio di primavera le aree degradate vengono periodicamente monitorate e bonificate. Protagonisti i “cittadini sensibili”, che operano sul territorio comunale in gruppi e associazioni di volontariato, ma anche l’amministrazione comunale che da anni si impegna nell’organizzazione della tradizionale “Giornata del Verde Pulito”, un’iniziativa di tutela ecologica del territorio comunale, che per questa edizione 2016 è andata in onda domenica 17 aprile.

Una “giornata ecologica” dai profondi contenuti sociali e solidali: rispettare e tenere pulito il paese, salvaguardarne il territorio in tutte le sue componenti, evitare l’abbandono indiscriminato dei rifiuti, sono tutti comportamenti che denotano un alto senso civico, un profondo sentimento d’appartenenza alla propria realtà territoriale, ma anche la volontà di partecipare attivamente ad un progetto comune di tutela e salvaguardia di un bene che è patrimonio di tutti. La “Giornata del Verde Pulito” è un significativo momento per l’affermazione di questi valori. Con essa, si vuole sensibilizzare i cittadini sui temi della tutela ambientale, mediante idonee iniziative dirette a ripulire e migliorare la qualità delle aree verdi di proprietà pubblica o soggette a fruizione pubblica.

La chiamata era per i ragazzi delle scuole elementari e medie, perché potessero una giornata a stretto contatto con la natura, contribuendo alla sua pulizia. Insomma, una lezione di educazione ambientale “dal vivo”.

E così è stato. “L’iniziativa è stata pensata per la pulizia delle aree verdi – sottolinea l’assessore all’Ecologia Mara RizziEbbene, ha dato l’opportunità di partecipare attivamente alle operazioni, per far sviluppare il senso di responsabilità che porta ad attivarsi in prima persona nella difesa del bene comune. In questo modo, l’educazione ambientale diventa uno strumento utile, perchè dà la possibilità di fruire delle ricchezze naturali presenti sul territorio, senza mai dimenticare la tutela e il rispetto che l’ambiente merita”.

Oltre ai ragazzi della scuola primaria e secondaria, alla manifestazione si sono uniti il Consiglio Comunale dei Ragazzi, co-promotore dell’iniziativa, e la Protezione Civile di Trescore, che ha coordinato le operazioni.

L’iniziativa ha impegnato circa 120 persone, divise in quattro squadre, dotate di guanti, pinze e sacchetti – continua l’assessore Rizzi – Le operazioni si sono svolte in tutta sicurezza ed hanno consentito la pulizia e la sistemazione di alcune zone del paese. Al termine, in sala consiliare, si è svolto l’”Eco-quiz”, un test a tema sulla modalità di smaltimento dei rifiuti, che ha decretato la vittoria della squadra dei “rossi”.

Dopo la consegna degli attestati di partecipazione e dell’omaggio floreale offerto per l’iniziativa dalla Floricoltura S.Vincenzo, la “giornata verde” si è conclusa con il pranzo in oratorio.

La consapevolezza dell’importanza delle pratiche ambientali ha portato i primi risultati – conclude Rizzi – I ragazzi, infatti, hanno notato che, alla fine dei lavori di pulizia, la quantità di quanto raccolto è stata decisamente inferiore rispetto a quella del 2015. Comunque, è nostra chiara volontà proseguire con il programma di sensibilizzazione dei nostri ragazzi, anche con altre iniziative”.

 

Ti.Pi.