“Gocce di vita” per l’Avis

“Gocce di vita”. Non esiste modo migliore per descrivere appieno la ragione di vita dell’AVIS, l’associazione italiana dei donatori di sangue volontari, che annualmente salva milioni di vite umane, grazie all’atto semplice, generoso e altruista del dono del sangue.  Ed è proprio questa frase, “Gocce di vita”, il titolo scelto per l’evento organizzato dall’AVIS Zona 3, che comprende la Media Valle Seriana, con il patrocinio del Comune di Vertova: uno spettacolo di narrazione, musica e riflessione, incentrato sull’importanza del donare il sangue.

 

Il prossimo 17 ottobre, infatti, presso il Centro Culturale Testori, ex-convento, di Vertova, alle ore 21, avrà luogo “Gocce di Vita”, riflessioni sul sangue, con la narrazione e la musica dal vivo di Luca Rampini, socio AVIS attivo dal 1995, musicista, specialista di teatro, in modo particolare per quanto riguarda l’ambito divulgativo e sociale, e autore di lavori incentrati sulla sensibilizzazione verso problematiche a carattere etico.

L’evento, ad ingresso gratuito, si snoda tra storia, medicina, superstizione, cronaca e costume, elementi che combinati in sinergia tra loro danno vita ad uno spettacolo al tempo stesso divulgativo, emozionante, divertente, commovente. Un percorso attraverso i secoli e la storia del sangue, dalla nascita delle analisi scientifiche, alle antiche pratiche mediche, dalle credenze popolari, come la leggenda del Conte Dracula, alla cronaca quotidiana, nella quale convergono realtà e finzione letteraria.

Un momento particolare sarà inoltre dedicato alla figura di Vittorio Formentano, fondatore, nel 1926, dell’AVIS.

Insomma, un circuito di argomenti orbitanti attorno alla donazione volontaria del sangue, che però non viene presentata al pubblico in veste di presuntuoso invito ad unirsi alla moltitudine di donatori, bensì come spunto di libera riflessione, in grado di suscitare emozioni e impressioni soggettive.

L’AVIS zona 3 è una realtà da anni molto attiva e dinamica sul territorio della Media Valle, ed è in prima linea nell’organizzazione di eventi e manifestazioni di stampo culturale, sportivo e ricreativo. Durante l’ultima Assemblea sono emersi risultati positivi, grazie all’impegno dell’associazione durante gli anni precedenti; infatti, nel 2014 è stato registrato un aumento dei soci con oltre 30 nuovi donatori, per un totale di 263 iscritti. Positivo anche il numero complessivo di donazioni, 537 globali, di cui 393 di sangue intero e 144 in plasmaferesi. L’invito che l’AVIS rivolge alla comunità, e soprattutto ai giovani, è quello di proporsi come parte attiva nella donazione del sangue, del quale viene registrata una sempre più crescente necessità.

 

Silvia Pezzera