Sul finire dello scorso anno, durante i weekend, si sono svolti i lavori di pulizia idraulica, regolarmente autorizzati dall’UTR (Ufficio Territoriale Regionale, ex-Genio Civile) di Bergamo, del torrente Tadone, che nasce dal Monte Misma e attraversa il paese, fino a gettarsi nel torrente Cherio. Diversi gli interventi. Innanzitutto, sono state eliminate le parti ammalorate o potenzialmente pericolose della vegetazione arborea ed arbustiva presente in alveo ed alla base degli argini. Poi, sono stati recuperati parecchi rifiuti abbandonati. E, infine, i volontari hanno proceduto al livellamento dei ciottoli, considerando le livellette definite dalle quote delle soglie fisse esistenti in alveo.
“L’operazione, al di là del suo aspetto tecnico-idraulico, è stata l’occasione per verificare sul campo l’operatività della nuova squadra di Protezione Civile Comunale – afferma l’assessore alla Gestione del Territorio Mara Rizzi – E, quindi, verificare la formazione dei volontari riguardo all’utilizzo di alcune attrezzature.” Il complesso lavoro di pulizia idraulica ha interessato il tratto centrale del torrente con la sistemazione di circa 1.500 metri di percorso. I volontari operativi del gruppo Comunale di Protezione Civile, quindi, hanno testato la capacità d’intervento specifico di pulizia idraulica e taglio alberi per un totale di 9 giornate di 8 ore ciascuna, per un totale di 72 ore. I lavori sono stati solo l’inizio di un progetto più complesso che ha visto, dapprima gli interventi di sistemazione e pulizia dal Prato del Marchese fino a via Roma; poi, in un secondo momento, anche il passaggio sulle vallette minori, recuperando diversi tipi di rifiuti.
I lavori sono proseguiti anche sul torrente Lesse, in prossimità della località Canton, al di là della strada statale, dove alcune robinie, gravemente compromesse e sviluppatesi in alveo, rischiavano di schiantarsi sulle proprietà private.
Da segnalare che, durante la prima nevicata dello scorso autunno, il Gruppo Comunale di Protezione Civile è stato impegnato in diversi interventi, per sgomberare la neve nei luoghi maggiormente frequentati, come le scuole elementari e medie, la località Albarotto, dove sono presenti le scuole superiori e alcuni ingressi sensibili come gli uffici ATS (Azienda di Tutela della Salute) in via Mazzini.
“E’ doveroso un sentito ringraziamento ai volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile – continua l’assessore Mara Rizzi – Dopo la loro attivazione nello scorso mese di settembre, da subito si sono impegnati con interventi mirati sul territorio, per prevenire situazioni a rischio e provvedere alla bonifica di ambiti fluviali, a vantaggio della comunità”.

Giovanni Viscardi