Lega Basket Femminile e FederBasket hanno reso noti i gironi della serie A2 nazionale che prenderà il via nel weekend del 3 e 4 ottobre. Alla settima apparizione di fila nel secondo torneo nazionale, ecco mostrarsi in luce il Gs Edelweiss Albino, che è stato inserito nel girone A, il “Girone Nord”, unitamente alle altre squadre lombarde Carugate, Crema, Sanga Milano, San Giorgio Mantova, alle venete Alpo Villafranca, Ponzano, Lupe San Martino di Lupari, Sarcedo, Vicenza, alla altoatesina Basket Club Bolzano, alle piemontesi Castelnuovo Scrivia e Moncalieri, alla friulana Udine.
La formula prevede che le prime otto classificate vadano ai playoff,la nona si salva, mentre dalla decima alla tredicesima sono previsti i playout, dove una sola scenderà di categoria, mentre l’ultima classificata della regular season retrocederà direttamente in serie B regionale.
L’avvio del campionato per la formazione albinese è previsto per sabato 3 ottobre, contro il Basket Sarcedo (Vicenza). Anche nella prossima stagione le gare interne (sabato, ore 21) si disputeranno al PalaRaffaMartini di Torre Boldone, in attesa che venga pronta per il 2021 il nuovo Palasport di Albino.
Grazie al Gs Edelweiss Albino, ancora una volta Albino è ai vertici del basket femminile tricolore: ok, merito anche degli sponsor che sostengono la compagine biancorossa (vedi Fassi Gru e Scorpion Bay, in primis). Non è facile, infatti, impegnarsi in un campionato di così alti valori tecnici, e con trasferte impegnative: la A2 è un campionato al massimo livello, con forti esigenze. Fortunatamente, rispetto alla stragrande maggioranza delle altre formazioni in lizza, il Gs Edelweiss Albino Basket può contare su un vivaio quantitativamente e qualitativamente assai importante, come quello rappresentato dal Progetto OroRosa Bergamo, capace di sfornare ad ogni campionato elementi di assoluto valore, che piano piano vengono inseriti nella prima squadra; come, del resto, sta capitando, in questi ultimi campionati, con le varie Agazzi, Gionchilie, Laube, Mbengue, Panseri, Peracchi, Rizzo, Torri. Inoltre, puntare sulle giovani della “cantera” permette anche di operare notevoli economie, fatto non secondario in questo particolare momento.
In bocca al lupo per il prossimo campionato, quindi: al presidente Graziella Morandi, al General Manager Fulvio Birolini, alla nuova head coach Monica Stazzonelli con il vice Michele Trapletti e a tutto lo staff tecnico, organizzativo e logistico albinese, che in questo mese di settembre, ormai con l’organico al completo, hanno iniziato a far fare gli allenamenti alle proprie giocatrici.
Una sottolineatura riguardo il calendario: nelle prime giornate ci saranno subito importanti confronti con avversarie diretta nella corsa alla salvezza. Quindi, bisogna partire forti, per indirizzare al meglio la stagione.

PS

Nasce il progetto “Playing for Bergamo”

Edelweiss e tutto il network Ororosa presentano per la prossima stagione un progetto che va oltre il consueto contesto sportivo. Prende vita “Playing for Bergamo”. Un’iniziativa che nasce con l’obiettivo di promuovere l’importanza dello sport femminile nel sostegno al territorio. Un territorio quello bergamasco sicuramente tra i più colpiti a livello mondiale dalla pandemia di Covid-19. “Playing for Bergamo” per l’EDELWEISS Albino diventa quindi il punto di partenza per una serie di attività che verranno realizzate dentro e fuori dal campo per supportare i giovani, le famiglie, le realtà che gravitano attorno al mondo del basket femminile, ma non solo. Tante le idee in cantiere: dalle borse di studio alle iniziative culturali, dalle manifestazioni sportive ai contest social (#playingforbergamo). Un programma di iniziative che nelle prossime settimane verrà definito nei dettagli e che si arricchirà strada facendo nel corso della stagione.
Alla base di tutto, la convinzione che lo sport è prima di tutto portatore di valori, elemento di aggregazione e condivisione, motore di iniziative e opportunità. Tutto questo con la forza, ma anche la sensibilità, che le donne sono in grado di dimostrare.
Il logo del progetto “Playing for Bergamo” sarà protagonista sulle maglie da gioco nella prossima stagione. Per lanciare un messaggio forte e chiaro da parte della società e della squadra nella promozione di questo progetto. Un logo che suona come un motto e che ha la forza di una promessa: si gioca per Bergamo, per il suo territorio, per la sua gente. Domina ovviamente il colore rosa per sottolineare l’iniziativa e l’impegno di Edelweiss come portabandiera dello sport femminile, ma anche come apripista, nella speranza che altre realtà condividano un progetto di questa portata a livello locale e che, magari, possa essere reinterpretato modularmente anche a livello nazionale o su altri territori.
Tutte le realtà partner e sponsor di EDELWEISS hanno creduto fortemente in questo progetto al punto da rinunciare alla propria visibilità per puntare tutto su questo messaggio. “Playing for Bergamo” sarà l’unico logo a comparire sulle maglie. Un gesto forte, distintivo, condiviso. Per dimostrare che il sostegno allo sport si basa su valori più profondi, che vanno ben al di là delle normali esigenze promozionali.