Il nuovo anno sociale del gruppo alpini di Albino inizia in un tripudio di colori. Sono quelli dei bambini (e di genitori, parenti e amici) che lo scorso 1° ottobre, nel pomeriggio, presso il Parco Alessandri, hanno partecipato alla tradizionale “Grande Festa dei Primini”. L’evento, organizzato in collaborazione con l’assessorato all’Istruzione, l’Istituto Comprensivo, la Scuola Sant’Anna e l’Associazione Genitori, in occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico, ha visto la partecipazione di 134 bambini albinesi (su una lista iniziale di 197), provenienti dalle scuole primarie presenti sul territorio comunale, gli stessi che lo scorso 12 settembre, per la prima volta, hanno salito i gradini della prima classe della scuola elementare, entrando così a far parte del mondo studentesco. Per loro, il gruppo alpini di Albino, unitamente ad alcuni “rinforzi” provenienti dal gruppo alpini di Comenduno, è stata allestita una grande festa, fatta di giochi, animazione e una sana merenda. Dapprima, il benvenuto delle autorità amministrative e scolastiche ai bambini e alle loro famiglie: presenti l’assessore alla Cultura e Istruzione Emanuela Testa e la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo “Gioele Solari” di Albino Veronica Migani. Quindi, alcune volontarie, “amiche” del gruppo alpini Albino, hanno preparato una ricca merenda a base di patatine, croccantini, dolcetti e bevande, particolarmente gradita dai giovanissimi studenti. Ma c’è di più. A tutti, le penne nere di Albino hanno fatto omaggio di quattro quadernoni (due a righe e due a quadretti) e di una scatola di pastelli colorati.

Sono ormai otto anni che organizziamo la “Grande Festa dei Primini” – spiega il referente delle penne nere albinesi Gianluigi Moioli Siamo partiti per la prima volta nel 2009 e da allora siamo sempre in prima linea, tutti gli anni, quando inizia l’anno scolastico, per augurare con giochi, regali e una bella merenda il “buon anno” ai nostri piccoli studenti. Quest’anno erano veramente tanti, ed è stato bello vederli tutti lì, seduti sui gradini del parco a giocare e chiacchierare oppure in fila davanti al tavolo della merenda. Il nostro compito, come alpini, è di essere al servizio della comunità; credo che la nostra stagione 2016-2017 non potesse iniziare meglio, a servizio dei più piccoli, con spirito di umanità e gratuità, felici per aver fatto contenti così tanti bambini”.

 

Ti.Pi.