Il Museo dei Ciclisti al Colle Gallo è ora, anche su Facebook

Bello, rinnovato, ordinato, più funzionale, maggiormente accessibile. Così, si presenta ora il Museo dei Ciclisti della Madonna della Neve, al Passo del Colle Gallo, a Gaverina Terme, tirato a lucido, sistemato e riorganizzato durante l’estate. E per questo evento,…un altro evento. Due ospiti speciali, infatti, hanno inaugurato il nuovo Museo dei Ciclisti: si tratta di Rossella Ratto, atleta della Estado de Mexico, e del fratello Daniele Ratto, 24enne della Cannondale, che hanno reso omaggio al Museo e alla Madonna dei Ciclisti, manifestando la loro devozione con un segno tangibile. Per un appuntamento così speciale non potevano che essere due figli di quella terra, tra la Valle Seriana e la Valle Cavallina, a visitare per primi il luogo che vede i ricordi di ciclisti famosi e di tanti eroi comuni delle due ruote.

 

I due fratelli, professionisti di Colzate, sono arrivati sulla sommità di una delle salite più amate dai ciclisti bergamaschi, ospiti del parroco don Giuseppe Bellini, e accolti dalla nuova gestione del bar-ristoro, la giovane Silvia Pasini, e dello stesso museo, Simone Masper, collaboratore de l’Eco di Bergamo e Bergamo Tv, grande appassionato del mondo delle due ruote.

I due ragazzi, accompagnati da mamma Monica, hanno donato al Museo dei Ciclisti un loro ricordo, cioè una maglietta speciale; e nel caso di Daniele, reduce dalla rottura della clavicola al Giro della Svizzera, proprio la maglia del misfatto, mentre quella di Rossella arriva dal Giro del Trentino.

Per loro un grande saluto da parte del parroco don Giuseppe Bellini, anch’egli ciclista.

Con il rinnovo dei locali espositivi, si rilancia così il Museo dei Ciclisti al Passo del Colle Gallo: l’obiettivo è quello di valorizzare al meglio questa meta prediletta dei ciclisti bergamaschi, considerato ormai il “Ghisallo della Bergamasca”, anche grazie all’apertura della nuova pagina su Facebook, con il nuovo “gruppo” Museo dei Ciclisti Colle Gallo.

Da segnalare, che all’interno della struttura espositiva, collegata da una bella scaletta in pietra al sagrato del santuario mariano, sono raccolti cimeli di diverse “glorie” delle due ruote: da diverse maglie rosa del Giro d’Italia a maglie di professionisti bergamaschi, ma anche stranieri, passando per alcune maglie di campione mondiale; inoltre, maglie di giovani corridori bergamaschi, di ciclisti dell’Udace e di campioni del passato; oltre che una teca tutta dedicata a Marco Pantani.

 

T.P.