Il Parco delle Orobie si trasferisce nella sede della Comunità Montana

A febbraio ci sarà il trasloco nella sede nella Comunità Montana Valle Seriana, in viale della Libertà, ad Albino, del quartier generale del Parco delle Orobie Bergamasche. Dopo anni di onorato servizio, la sede cittadina di via Camozzi saluta gli uffici amministrativi e tecnici del parco, che va così a rintracciare in Val Seriana, a ridosso delle Prealpi Orobie, che sono poi il suo ambito d’azione, la sua nuova sede, più spaziosa, più funzionale, più ricca di attrezzatura, ma soprattutto meno costosa.

L’annuncio è stato dato nello scorso mese di dicembre, in una conferenza stampa cui hanno preso parte il presidente del Parco delle Orobie Bergamasche, Yvan Caccia, il direttore Mauro Villa e i presidenti delle Comunità montane Valle Brembana Alberto Mazzoleni, Valle Seriana Eli Pedretti e Valle di Scalve Guido Giudici.

Il via libera al cambio di sede è giunto all’unanimità dall’assemblea della Comunità del Parco, che già prima aveva dato l’ok lo stesso Consiglio di Gestione.

Tutta colpa della spending review e dell’attuale momento di recessione, che hanno imposto una rettifica dei costi. Infatti, con il cambio di sede, nel giro di quattro anni l’ente sarà in grado di risparmiare 84 mila euro e, rispetto alla sede di Bergamo, di guadagnare 69 metri quadrati di uffici: peraltro, come detto, tutti in rete e ben organizzati, per soddisfare al meglio le necessità del cittadino, con un netto miglioramento per quanto riguarda la privacy e i servizi di accoglienza. Inoltre i 369 metri quadrati dei nuovi locali messi a disposizione dalla Comunità Montana Valle Seriana verranno consegnati “chiavi in mano”, arredati, attrezzati e tinteggiati.

Determinante, quindi, il contenimento dei costi. La nuova sede di Albino, infatti, consente una significativa razionalizzazione dei servizi, con benefici in termini di riduzione dei costi. Il “padrone di casa”, infatti, non è più un privato, come era a Bergamo, ma un ente pubblico, ovvero la Comunità Montana Valle Seriana, soddisfatta non solo di poter introitare 24 mila euro l’anno, ma anche di riaprire gli uffici rimasti inutilizzati da circa quattro anni, da quando cioè si è verificata la fusione tra le Comunità Valle Seriana Superiore e Inferiore.

Da tutti gli attori dello spostamento della sede una chiara affermazione: la nuova sede è in grado di garantire una maggiore funzionalità, con effetti benefici per quanti sono chiamati a gestire pratiche ed eventuali problematiche relative alla valutazione paesaggistica e di incidenza e alle autorizzazioni paesaggistiche.

Per la cronaca, il Parco delle Orobie Bergamasche è un parco montano forestale che, con una superficie di circa 70.000 ettari, rappresenta la più grande area ad elevata naturalità tra i parchi regionali lombardi; interessa il versante meridionale delle Orobie, costituito da rilievi che superano anche i 3.000 metri d’altitudine; è regno delle aquile, degli stambecchi e di panorami mozzafiato. Amministrativamente comprende parte dei territori delle Comunità Montane della Valle Seriana, della Val di Scalve e della Val Brembana, per un totale di 44 Comuni.

 

Sara Nicoli