Sarà questa la tematica centrale della serata di venerdì 22 marzo, promossa dall’Associazione Federica Albergoni, presso l’auditorium di Albino, ore 20.45.

L’Associazione è nata per ricordare Federica, diciannovenne scomparsa improvvisamente la notte di Natale del 2009 a causa di una leucemia fulminante, e per far sì che sempre meno persone vadano incontro al suo stesso destino. Proprio per questo i principali obiettivi dell’associazione sono l’informazione e la sensibilizzazione intorno al fondamentale tema della donazione di midollo osseo. La ONLUS festeggia così il 14esimo di fondazione in concomitanza con il raggiungimento di quota 17mila iscritti al registro bergamasco dei donatori di midollo, presso il Centro Donatori dell’ASST Papa Giovanni XXIII. Collaborazione assidua quella tra l’Associazione e il Servizio Immunotrasfusionale (SIMT), dove ha sede il Centro donatori.

Numerose sono state le iniziative promosse a favore del Laboratorio di Immunogenetica: a partire dal dicembre 2014, con la donazione di un termociclatore finalizzato a velocizzare le tipizzazioni dei giovani iscritti; dal 2015, ogni anno, la Onlus sostiene l’attività lavorativa di un giovane biologo presso il medesimo Laboratorio; nel 2022 il supporto è proseguito con la donazione di altra strumentazione, più precisamente un sequenziatore di DNA di ultima generazione, per l’attività svolta dal Laboratorio di Istocompatibilità degli Ospedali Galliera di Genova, sede del Registro nazionale Donatori di Midollo Osseo (IBMDR). Tra i numerosi progetti, primo fra tutti, è stata la creazione di un’unità mobile per il reclutamento e il prelievo necessario all’iscrizione dei futuri donatori di cellule staminali. Iniziativa anche in questo caso nata dalla collaborazione tra i Centro Donatori del SIMT di Bergamo e la Onlus. Il “Camper di Federica”, primo esemplare in Italia, ottenendo la certificazione nel settembre 2015, in occasione della prima giornata mondiale del donatore di CSE.

Grazie a questo importante progetto l’Associazione ha finora raggiunto quota 1560 iscritti al registro donatori, 15 dei quali sono risultati compatibili e hanno donato il midollo osseo. Queste ed altre iniziative verranno trattate nella serata di venerdì 22 marzo, nella quale interverranno la Dott.ssa Nicoletta Sacchi (Direttore Dipartimento Aree delle Scienze Genetiche e IBMDR Ospedali Galliera di Genova); la Dott.ssa Elena Longhi (Registro Regionale Lombardo Donatori di Midollo Osseo, Trapianti Lombardia – NITp .Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano); Dott.ssa Laura Castellani (Responsabile del Laboratorio di Immunogenetica, Servizio Immunotrasfusionale, ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo); Dott. Luca Barcella (Direttore Servizio Immunotrasfusionale e del Centro Donatori di Midollo Osseo di Bergamo), Prof.ssa Anna Falanga (Università Milano-Bicocca e Fondazione ARTET di Bergamo); A moderare la serata Alma Grandin (Giornalista Tg1 RAI). La serata prevede l’importante testimonianza di Alex, donatore di midollo osseo, e Lara, una ricevente.