Tempo di premiazioni per l’Isiss “Valle Seriana” di Gazzaniga. Nella mattinata del 28 maggio, presso la palestra dell’istituto superiore, si sono svolte le premiazioni dei progetti scolastici più meritevoli realizzati durante l’attività didattica dagli studenti delle classi terze, quarte e quinte dell’indirizzo di elettronica. Progetti, peraltro, realizzati durante le ore di laboratorio di sistemi elettronici, elettronica e TPS. In tutto, sono stati presentati una trentina di progetti, che hanno coinvolto circa 70 studenti, coordinati dal docente di sistemi elettronici prof. Sergio Ghilardi, che si è avvalso della preziosa collaborazione di un team di docenti: Schirò, Maffi, Capelli e Micheloni.

L’iniziativa ha avuto un grande successo. Non fosse altro che per la qualità dei progetti presentati, che hanno coniugato preparazione scolastica e creatività, ma anche per l’alta partecipazione degli studenti, fortemente motivati, e il forte interesse manifestato dagli addetti ai lavori, cioè i docenti di indirizzo.

Senza dubbio, l’impegno degli studenti coinvolti in questi progetti è stato enorme – sottolinea la docente di Elettronica prof.ssa Monica Maria Maffi Alcuni progetti sono vere e proprie eccellenze, almeno in ambito scolastico, che possono contribuire ad aiutarci nel promuovere il valore della laboratorialità, un nuovo modo di fare didattica che favorisce la realizzazione di esempi pratici ed evidenzia in modo concreto e creativo le competenze maturate dagli studenti. La cerimonia di premiazione è stata un momento di festa e di riconoscenza verso i nostri ragazzi, che si sono messi in gioco con generosità e bravura, mettendo a frutto le loro competenze e passioni, non solo tecniche, ma soprattutto “trasversali”, come il saper operare in gruppo, il coordinarsi, il confrontarsi, fattori importantissimi anche per il loro ingresso nel mondo del lavoro”.

Interessanti, come detto, i progetti presentati. Per la classe terza, gli studenti dovevano realizzare progetti che, utilizzando Net Duino, dovevano produrre giochi di luce o movimenti di servomotori. Per la classe quarta, invece, robot pilotabili tramite microcontrollore Arduino, che dovevano compiere movimenti, per esempio ballare, rilevare ostacoli e, mediante un rilevatore, riconoscere e seguire un percorso tracciato. Per la classe quinta, poi, robot e progetti più complessi, che mettevano in evidenza le competenze acquisite nel triennio; quindi, robot rileva e disinnesca bombe, un drone, un’arpa laser e tanti altri.

 

Ti.Pi.