KARATE – DO: (La Via della Mano Nuda)

Si arricchisce di un’altra disciplina sportiva il già ricco panorama sportivo della Media Valle. Ora, grazie all’U.S.K.F. (Unione Sportiva Karate-Do), anche il KARATE fa il suo ingresso sulla scena sportiva vallare. E lo fa a Fiorano al Serio, presso la palestra delle scuole elementari, dove i suoi atleti, ma anche un bel numero di appassionati, si ritrova due volte alla settimana, al martedì e al venerdì, per imparare la tecnica di difesa più famosa al mondo, il KARATE, appunto, che significa letteralmente “Mano Nuda” (Kara=nuda e Te=mano). Una bella opportunità, per i giovani e i meno giovani, perché questa disciplina non ha età, ma può essere praticata da tutti.

 

Le origini di questa arte marziale sono cinesi, ma il suo sviluppo si deve agli abitanti delle isole giapponesi che, non potendo detenere ed utilizzare nessun tipo di armi, per difendersi inventarono questo sistema di lotta nel quale si fa uso delle mani, dei piedi, ecc.

Nel tempo sono stati sviluppati diversi “stili” della pratica del Karate; quello più diffuso in Italia è lo “SHOTOKAN” del Maestro GICHIN FUNAKOSHI.

Sarebbe semplicistico limitare l’essenza del Karate alla sola difesa da uno o più avversari, essendo assurta nel tempo, e nel suo sviluppo, a vera e propria Arte Marziale di grande spiritualità, che può essere praticata da uomini e donne fin dalla giovane età e fino alla maturità avanzata. Non di rado si vedono nel Dojo (palestra) sia bambini che persone anziane, o quanto meno che hanno superato da tempo i sessant’anni: tutti, con una pratica costante, possono tenere testa ad atleti anche giovani ed allenati.

Il rispetto per il “Sensei” (maestro) e per i propri compagni, di qualsiasi età e grado (Kyu e Dan), è la regola base per un corretto apprendimento del Karate, il cui scopo non è solo quello di acquisire nel tempo la padronanza di efficaci tecniche di difesa e contrattacco, ma soprattutto di allenare il corpo e lo spirito.

Contrariamente a quello che comunemente si pensa, il nucleo della pratica di questa Arte Marziale non è lo scontro diretto, tipico degli sport quali la boxe, ma lo studio e l’apprendimento dei “KATA” o “Forme” – circa trenta quelle codificate – che sono una sorta di combattimento individuale contro uno o più avversari immaginari.

Chi fosse interessato ad avere maggiore informazioni può rivolgersi all’U.S.K.F. (Unione Sportiva Karate-Do), disponibile tutti i martedì e venerdì, dalle 20 alle 22, presso la palestra delle scuole elementari di Fiorano al Serio.

 

Sara Nicoli