La “notte bianca” che illumina la notte

Una bella e tiepida giornata quella dello scorso sabato 13 settembre, che ha regalato a Vertova una splendida e luminosa “Notte Bianca”; l’annuale evento che, giunto ormai alla sua 6^ edizione, riscuote da sempre un ottimo successo. Un merito che va attribuito soprattutto all’associazione commercianti “Arte e Mestieri” di Vertova, la quale, con il patrocinio del Comune di Vertova, anche questa volta ha saputo magistralmente organizzare una giornata ricca di iniziative aperte a tutti.

 

Certamente un evento commerciale, considerate le molte occasioni per fare shopping nei negozi, aperti fino a notte fonda, ma anche culturale, sociale, di svago e soprattutto di aggregazione, nel cuore delle serate settembrine che pian piano salutano l’estate e danno il benvenuto alla stagione autunnale. A tal proposito, il paese si conferma già da svariati anni al primo posto nella Media Valle in fatto di feste di fine estate, richiamando per la “Notte Bianca” moltissima gente, anche da fuori provincia. Di certo, un’occasione unica per la valorizzazione del territorio, dal punto di vista commerciale, culturale e turistico, che ha motivato ancor di più i commercianti e gli artigiani di Vertova nell’organizzazione della festa.

E, quindi, nel pomeriggio ecco il via al programma di attrattive, studiate ad hoc dagli organizzatori, che hanno individuato 10 location in altrettante zone del paese, ciascuna arricchita con svariati tipi di spettacoli; nella zona 1, presso il campo di calcio, nel pomeriggio, un elicottero era disponibile per un giro panoramico sulla Valle Seriana, ed un concorso fotografico premiava le foto più belle della “notte vertovese”. Nella zona 2, in via Ferrari, era possibile provare l’emozione del tiro con l’arco, o di Soft Air, oppure osservare un’esposizione di Go Kart, fare quattro salti sui gonfiabili o sulle Water Ball in piscina. Tutto con il sottofondo musicale della “Premiata Salumeria della Musica” in concerto. Nella zona 3, ovvero in via Roma, spazio all’arte e all’artigianato con mostre di dipinti, acquarelli, mosaici, sculture e molto altro. In piazza S. Marco, zona 4, invece, grande partecipazione per lo spettacolo dell’attore Oreste Castagna di Rai Yoyo, che con la sua simpatia ha saputo incantare piccoli e…grandi. E ancora, mostra filatelica presso l’Associazione Pro Vertova e, in sottofondo, musica per tutti.

Dj, fattoria didattica, trucca bimbi, clown, AVIS, AIDO e ADMO animavano, invece, la zona 5 di via S. Rocco, dove, inoltre, non è di certo mancata l’opportunità di una tappa golosa per assaporare pà e strinù e porchetta. In via Albertoni, cioè zona 6, l’intrattenimento con musica celtica accompagnava gli affamati di hot dog, patatine fritte e pollo allo spiedo; proseguendo si arrivava quindi in zona 7, dove i piccoli artisti potevano partecipare ad un laboratorio creativo.

Nella lunga via IV Novembre, contrassegnata come zona 8, il percorso di “Pompieropoli” (un set tipico allestito dai Vigili del Fuoco, a misura di bimbo) metteva alla prova i più piccoli e le loro capacità di piccoli vigili del fuoco. Presente anche qualche bancarella di hobbisti e artisti di strada. Nella zona 9, Largo Vittorio Veneto, spazio ai giovani con musica minimal, techno, house e dab, in compagnia di birra, sangria e mojito. A chiudere il percorso, ecco la zona 10, lungo Viale Rimembranze, dove c’era un’attraente esposizione di “auto tuning”, mentre nell’area antistante l’ex-Convento, bambini e giovani si sfidavano in una gara di scooter, cross e mini cross.

Una “Notte Bianca” che ha davvero illuminato la notte di Vertova, lasciando tutti piacevolmente soddisfatti. Chissà quali sorprese riserverà per il prossimo anno…

 

Silvia Pezzera