Presso il convento delle Suore Orsoline di Gandino sono ospitate tredici donne di diversa nazionalità, sbarcate in Italia fra l’estate e l’autunno del 2016 e accolte nel progetto d’accoglienza prefettizio per richiedenti asilo, preso in carico dall’associazione Diakonia Onlus (Caritas Diocesana Bergamasca) e gestito operativamente da Cooperativa Ruah.
In attesa che la loro richiesta di protezione internazionale venga presa in carico e che la loro storia sia ascoltata dalla Commissione Territoriale, le donne passano questo tempo ad apprendere usi e costumi della cultura italiana: lingua, burocrazia, tempi, spazi, etc.
Per favorire e facilitare questo momento di attesa e di apprendimento si è pensato, per organizzare incontri e iniziative, di chiedere il coinvolgimento dell’associazione di Albino “Mamme del Mondo”, che si occupa di promozione sociale e solidarietà familiare.
Tra i vari scopi e finalità che questa associazione persegue ci sono percorsi di cittadinanza attiva che si basano sulla comunicazione e sulla relazione, nella convinzione che i legami di vicinanza e di amicizia tra donne e mamme favoriscano una relazione paritaria e facilitino la creazione di una rete di sostegno per le donne e le famiglie neo arrivate.
I primi contatti sono stati presi nel mese di agosto dall’insegnante Anna, della scuola di italiano Ruah, che oltre a lavorare per l’apprendimento della lingua italiana delle ospiti, fa anche parte dell’associazione “Mamme del Mondo” e ha chiesto l’aiuto a contribuire alla raccolta di vestitini, carrozzine, giocattoli per le donne incinte ospitate a Gandino.
Le mamme dell’associazione si sono mostrate fin da subito interessate alla realtà delle richiedenti asilo, chiedendo ad Anna di venire in struttura per conoscere le donne. Anna ha così organizzato una lezione mirata all’incontro e alla condivisione delle storie di ciascuna.
Dopo questo primo incontro, con lo scopo di offrire altre occasioni di scambio e d’intrattenimento, nel mese di novembre è stata organizzata una merenda multietnica. Le mamme dell’associazione hanno cucinato i piatti tipici dei propri paesi e le ospiti hanno mostrato una presentazione con luoghi, cibi e canzoni dei loro paesi d’origine. L’incontro è stato positivo e coinvolgente tanto da pensare a nuove occasioni di incontro.
Sabato 17 dicembre le mamme del mondo hanno invitato le richiedenti asilo a partecipare alla passeggiata sulla pista ciclopedonale di Albino; le donne hanno partecipato con entusiasmo e per loro è stata un’occasione per conoscere meglio il territorio che le ospita. In occasione delle festività natalizie l’insegnante, le operatrici della struttura d’accoglienza e le ospiti hanno organizzato una merenda invitando l’associazione “Mamme del Mondo”, la mediatrice e i volontari che operano intorno alla struttura di Gandino. Per l’occasione, le operatrici hanno coinvolto alcune delle altre richiedenti asilo presenti sul territorio, nello specifico le donne ospitate negli appartamenti di Comenduno e di Ponte Nossa e altre donne, ospitate precedentemente a Gandino e ora trasferite in altre strutture. Tra canti, balli e chiacchiere, il clima è stato molto caldo e accogliente.
In linea con l’intenzione dell’associazione “Mamme del Mondo” e per approfondire e dare senso alla relazione, si vorrebbero realizzare altri microprogetti con finalità ludiche e formative, allo scopo di creare una rete solidale e promuovere forme di comunicazioni efficaci in modo da assicurare sostegno emotivo, morale e concreto nella quotidianità delle donne e delle mamme.

Michela & Anna