Mai come in questo periodo i bambini e i ragazzi hanno bisogno di sognare e sperare, trovare mondi in cui rifugiarsi e avere momenti di condivisione sep- pur virtuali.
E’ con la necessità di riprendere un contatto con le scuole e con i bambini e riprendere con le famiglie il filo di una narrazione interrotta lo scorso anno a causa della pandemia che torna “La Vallata dei Libri Bambini”, il Festival di letteratura per ragazzi conosciuto in tutta Italia.
L’edizione sarà la 7bis: una numerazione progressiva insolita, ad indicare una continuità con l’edizione 2020 annullata a sole due settimane dal debutto causa Covid-19.
Il Festival si terrà in Valle Seriana (in provincia di Bergamo) dal 12 al 28 marzo 2021, proposto dall’omonima associazione culturale senza scopi di lu- cro. La rassegna diventa così virtuale e si svolgerà interamente via so- cial e web. Il tema è “Fra ME e TE – Che cosa c’è?” per esplorare i rapporti relazionali che si instaurano fra i bambini e tra questi e il mondo degli adulti che li circonda.
Uno degli obiettivi principali inoltre, è quello di lanciare un messaggio di ri- nascita dal territorio che proprio un anno fa veniva devastato dalla pri- ma ondata della pandemia.
“Vogliamo vincere la paura – spiega Roberto Squinzi, librario della Libreria Alessia di Fiorano al Serio (Bg) e ideatore del Festival – così abbiamo tenuto duro e abbiamo organizzato anche questa particolare edizione”.
Tutti gli appuntamenti sono rigorosamente on line, prenotabili dal rin- novato sito www.lavallatadeilibribambini.it dove si trova anche il pro- gramma completo con tutte le informazioni nel dettaglio.

I nomi
Ad incontrare le 89 classi iscritte saranno gli autori – tutti di livello rigorosa- mente nazionale (e oltre, se pensiamo che molti di loro sono stati tradotti in diverse lingue all’estero) – Gionata Bernasconi, Susanna Mattiangeli, Sil- via Vecchini, Davide Calì, Roberto Morgese, Daniela Palumbo, Elisa Ca- stiglioni, Patrizia Rinaldi, Laura Bonalumi, Marco Magnone, Gabriele
Clima, Luisa Mattia, Nicoletta Bortolotti, Luigi Garlando e Antonio Ferra- ra, mentre diversi saranno gli appuntamenti rigorosamente on line aperti a bambini ed adulti.

L’evento inaugurale
L’apertura della manifestazione, pensata per venerdì 12 marzo alle ore
17.30, sarà trasmessa rigorosamente in diretta facebook sulla pagina de La Vallata dei libri bambini e vedrà protagonisti lo scrittore Antonio Ferrara e sua moglie Marianna Capelli, fotografa, nella veste inedita di presentatori del- la kermesse. A loro, che nel luglio scorso hanno incontrato gratuitamente in- sieme a Gionata Bernasconi i ragazzi del Cre locale al fine di rielaborare le emozioni e le paure lasciate della pandemia l’onore del taglio del nastro. In verità il duo Antonio Ferrara e Marianna Capelli sarà anche protagonista nel tardo pomeriggio di giovedì 18 marzo nell’incontro sui “Nino’s boys”, i “ra- gazzi difficili” descritti nei romanzi di Antonio Ferrara.

I momenti formativi
Il Festival vede inoltre alcuni momenti formativi piuttosto interessanti: il primo, fissato per lunedì 15 marzo alle ore 20.30 dal titolo “Parlare di autismo in classe. Come parlare ai bambini di autismo”, sarà tenuto da Gionata Bernasconi, autore di libri per ragazzi e che da anni si occupa di progetti educativi per la Fondazione ARES – Autismo Risorse e Sviluppo, di Giubiasco (Svizzera). Con lui dialogherà Nicola Rudelli, pedagogista e docente al Sup- si di Locarno. Giovedì 25 marzo, sempre alle 20.30, sarà la volta di Loretta De Martin, formatrice e divulgatrice del metodo Writing and Reading Work- shop (IWT) che terrà una serata formativa sulla letteratura per l’infanzia aperta a tutti. E poi ancora: il corso di scrittura tenuto da Elisa Castiglioni da l titolo “Pillole di scrittura” e l’incontro di martedì 23 marzo ore 17.30 con Igor Trocchia, allenatore della Nazionale italiana di calcio sordomuti e gli scrittori Igor De Amicis e Luciani Paola dove si parlerà di razzismo nel calcio e dove verrà presentato il romanzo: “Igor Trocchia, un calcio al razzi- smo” del duo De Amicis-Luciani. Sempre sul tema delle discriminazioni raz- ziali verterà l’incontro di martedì 16 marzo ore 17.15 con e sui libri di Daniela Palumbo partendo dal romanzo a quattro mani con Liliana Segre “Fin quan- do la mia stella brillerà”. A dialogare con la scrittrice sarà Federica Molteni, attrice teatrale a cui stanno particolarmente a cuore le tematiche storiche. Lunedì 22 marzo alle 17.30 sarà invece la volta di Nicoletta Bortolotti che con Ahmed Malis, artista, ed i ragazzi dell’liceo psicopedagogico Oscar Ro- mero di Albino (BG) presenteranno il libro “Disegnavo pappagalli verdi alla fermata del metrò” in cui la Bortolotti narra, sullo sfondo della periferia mila- nese, la storia vera di povertà e integrazione proprio di Malis, giovanissimo e straordinario pittore di origine egiziane.
E poi ancora, mercoledì 24 marzo l’incontro per tutti i bambini con Roberto Morgese e la presentazione del suo spassosissimo libro “Gara di mucche” in cui si ironizza, con gran sorriso, sulla pratica dei talent-show.

Laboratori e spettacoli teatrali
Sempre per bambini, vi è la possibilità di partecipare a diversi laboratori e gustare letture e spettacoli teatrali. Tutto rigorosamente on line, naturalmen- te. A tenere viva la gioia degli incontri nei laboratori, ci saranno le ragazze dello Spazio Casita con due laboratori tratti dai libri “Zeb e la scora di baci” e “Fiori” di Herve Tullet, un laboratorio sul mito di Persefone e Demetra ed uno che prende spunto dalla fiaba di “Giacomino ed il fagiolo magico”. Sempre restando nel campo dei laboratori e degli intrattenimenti vi saranno le “Storie suonate” del duo Giuditta Campiello e Claudio Cornelli, la “Musicafiaba” di Simona Zavagna e Nicola Govoni, e il laboratorio di scrittura tenuto da Gianluca Caporaso dal titolo “Sottosopra. Come mettere il mondo a testa in giù!” dove ed interagire a distanza con lo scrittore saranno coppie formate da genitori e bambini. A chiudere, nella giornata di sabato 27 marzo, la consueta Festa dell’“A rivederci”, lo spettacolo teatrale “Un nido color fucsia” della Compagnia teatrale Il teatro delle quisquilie.