L’associazione “Geos Natura” cammina in val Vertova

Autunno, comincia a far freddo. Ma la passione per le escursioni non guarda in faccia il maltempo o le bizze di Giove Pluvio. Ben lo sanno i “camminatori” dell’associazione ambientalista “Geos Natura”, da qualche anno impegnata in Bergamasca nella valorizzazione del patrimonio naturale, in particolare idrico. Al suo interno, infatti, sta crescendo il numero dei “podisti verdi” che amano cimentarsi in scampagnate o passeggiate a tema, lungo le nostre vallate. E siccome già conoscono, per altri motivi, legati soprattutto alla ricerca botanica e vegetazionale, i sentieri della Val Vertova, ecco che domenica prossima 15 novembre hanno organizzato una “camminata verde” lungo i sentieri della valle, fino al bivacco Testa.

 

Il raduno è alle 7, in piazza Vittorio Veneto. Da qui, si prende la strada della Val Vertova, che si snoda lungo il torrente per circa 3 km, fino alla località Cà Rosèt. Superato il ritrovo GAV (Gruppo Alpinistico Vertovese, si prende la mulattiera costeggiando il torrente e, dopo averlo guadato alcune volte, si arriva alla cascata della Val de Gru. Quindi, si raggiungono i prati del Merèl. Camminando lungo il fondovalle, si attraversa un orrido, si passa vicini alla baita di prato “Morto basso”, si salta di qua e di là sul torrente, si superano alcune balze e si sbuca nella conca di Sedernèl. Lungo i ghiaioni si arriva fino alla baita Rondi. Superato un bosco, si lascia il sentiero, si toccano alcune baite e, dopo un’erta verso il colle di Pradaccio, ecco che si arriva al bivacco Testa.

Nel pomeriggio sono previste “lezioni verdi”, a contatto diretto con la natura, che vedranno in cattedra i volontari della “Geos Natura”. Una “camminata didattica”, quindi, che alterna momenti di svago a lezioni sul paesaggio. Il rientro è previsto per le 17.

L’associazione “Geos Natura” è già operativa da tempo in Valle Seriana. Nel 2011, è stata in Valle Rossa, nel 2012 fra Trate di Gaverina e la Forcella di Bianzano, nel 2013 in Valle Gavarnia, fra Nembro e Tribulina di Scanzorosciate, mentre lo scorso anno si è cimentata in Valle del Riso. A fini esclusivamente interni all’associazione, i volontari si sono impegnati nella redazione di una mappatura della sentieristica minore della Valle Seriana, in particolare delle vallette laterali.

 

T.P.