Le Acli per le suore di clausura

Continua con fervida generosità l’attività del circolo Acli “Giorgio La Pira” di Albino. Sostegno al disagio socio-economico, vicinanza alle situazioni di precarietà occupazionale, partecipazione a progetti di aiuto internazionali: insomma, tanta solidarietà, che anima ad ogni stazione il consiglio direttivo di Piazza San Giuliano. E’ dentro questo solco, quindi, che è da leggersi l’ormai tradizionale, quanto annuale, raccolta di generi alimentari (pasta, riso, farina, zucchero, cibo in scatola), a favore delle suore di clausura che vivono nei monasteri di Bergamo, Boccaleone, Azzano San Paolo e Zogno. Un progetto di aiuto molto apprezzato dalla comunità albinese, in particolare dalle comunità parrocchiali, che permette ad ogni edizione di raccogliere quintali di viveri, bevande e generi di prima necessità, che poi vengono distribuiti ai quattro conventi in parti uguali. La raccolta viveri, che vede quale coordinatore l’inossidabile e sempre disponibile Luigi Rivellini, si effettuerà presso la sede di Piazza San Giuliano, al martedì e al mercoledì, dal 15 dicembre al 6 gennaio: nello specifico, il 15 e 16 dicembre, il 22 e 23 dicembre, il 29 e 30 dicembre, il 5 e 6 gennaio.

 

Chi volesse contribuire può rivolgersi anche presso l’edicola della “Buona Stampa”, in via Vittorio Veneto, in cima al “risòl”, o in chiesa parrocchiale. Chi invece volesse portare i generi alimentari fuori dai giorni suddetti, può telefonare direttamente a Luigi Rivellini: 329.6461475.

 

La capanna di S.Anna

Natale porta con sé la tradizionale iniziativa della “Capanna Natalizia”, allestita con dovizia di particolari e di impegno da parte dei volontari davanti alla chiesa di S.Anna, lungo la centralissima via Mazzini. Un’opera che, oltre al suo valore artistico, punta a richiamare i passanti, per invitarli a depositare offerte nell’apposita cassetta. Del resto, è questo l’obiettivo finale della “Capanna Natalizia”: sostenere con le offerte degli albinesi e di quanti visitano la chiesa di S.Anna, diversi progetti di solidarietà. Negli anni scorsi il ricavato è andato ad aiutare le attività dei missionari albinesi, padre Taddeo Pasini, padre Giovanni, don Valentino Ferrari,… Poi, alla luce della grave crisi economica, che ha colpito pesantemente diverse famiglie della comunità di Albino, e per rispondere all’invito di collaborazione fatto dalla Caritas parrocchiale, il ricavato è andato alla Caritas. Quest’anno, invece, i responsabili delle Acli di Albino, confidando nella generosità della comunità albinese, in un’ottica di responsabilità e spirito di carità, hanno deciso di leggere con attenzione le precarietà in atto, scegliendo soltanto alla fine della raccolta la destinazione.

La “Capanna Natalizia” sarà presente davanti alla chiesa di S.Anna da martedì 15 dicembre al 6 gennaio, giorno dell’Epifania.

P.S.