Voglio portare alla luce e condividere con tutti questo episodio e questa bellissima esperienza di solidarietà che mi è capitata…. Il tutto parte con un semplice mess su un gruppo di amici/colleghe di whatsApp; dove Mara chiede se qualcuno conosce o ha informazioni di chi può vendere un camper. Il mezzo è richiesto da parte di parenti che hanno perso la propria abitazione dopo gli eventi strazianti e devastanti del terremoto che tutti noi conosciamo. La famiglia è composta da 5 persone; marito, moglie e 3 figli che oggi vivono nel terrore di questi smottamenti e vogliono ricostruire la propria vita nella loro terra d’origine. Fatto sta che da quel messaggio partono una serie di contatti, chiamate e….. è incredibile il numero di persone che si rendono disponibili e vogliono aiutare questa famiglia ma soprattutto è sorprendente vedere come si muove questa macchina fantastica che si chiama SOLIDARIETA’…… Incredibile! Incredibile vedere anche la velocità con cui la notizia raggiunge un numero sempre crescente di persone generose. Grazie, grazie di cuore a tutti coloro che hanno partecipato ed aderito a questa fantastica esperienza. Non voglio fare nomi, tuttavia è doveroso ringraziare in modo particolare Franco e Luigina che hanno dimostrato di avere un cuore talmente grande, sensibile e generoso e che, vista la particolarità della richiesta di aiuto, non hanno esitato a confermare la disponibilità di privarsi del loro CAMPER mettendolo da subito a disposizione di questa famiglia di Tolentino. Sabato 04/11/2016 Simone accompagnato dal padre Roberto e dalla Zio sono saliti ad Albino per prendersi il camper e ritornare subito a casa dalla propria famiglia per ricominciare a prendersi la propria intimità. Ad aspettarlo ad Albino, Simone e suo padre, non hanno trovato solo un camper ma una macchina piena di emozioni e di solidarietà. Il camper è stato allestito di ogni genere di cose; da biciclette, a chi si è offerto di fare il pieno, a chi ha donato lenzuola, tovaglie, accappatoi, capi di abbigliamento e di ogni genere di cose chi più ne ha più ne metta.
Di questa bellissima avventura lo stesso Simone e Roberto non potevano credere che tutto ciò fosse realmente capitato a loro, ed io che l’ho vissuta in prima persona ho provato una gioia immensa ed è per questo che la vorrei condividere con tutti.

Grazie a tutti… Paola