Le mani, sempre le mani, proposte in bianco e nero, per evidenziare ancora di più l’intensità della vasta gamma di colori e sfumature che si sprigiona in modo naturale da frutta e verdura. Ben 52 scatti, che ben rappresentano i valori sottesi che intende offrire ai visitatori Alessandra Merisio, 53 anni, di Seriate, che fino al prossimo 30 settembre è presente presso la Biblioteca Comunale con una mostra fotografica, dal titolo “ManGusta”.
“Le mani sono il mio soggetto preferito – spiega Alessandra Merisio – Già in precedenza ho fotografato le mani degli anziani, segno della loro storia, del loro lavoro. Ora, in questa mia “personale” le mani sono il contenitore dal quale far emergere i prodotti della terra, le stagioni, la bellezza del lavoro agricolo”.
Membro dell’associazione culturale “ImagoMentis di Casnigo, Alessandra Merisio ha già all’attivo due mostre collettive con i soci del sodalizio seriano: La mostra “Io voglio vivere – Qualcuno mi prenda per mano”, allestita lo scorso anno presso l’auditorium comunale di Albino, insieme ad altri 17 fotografi italiani, sui disturbi del comportamento alimentare (mostra allestita anche a Padova, Bologna, Lucca e in Sardegna); e la mostra “Re di Picche” (con sottotitolo “Sognare, Giocare, Vincere, Perdere), realizzata a Brusaporto nell’ambito del progetto “Gioca col cuore, libera la mente”, sul tema delle dipendenze dal gioco d’azzardo e simili (anch’essa una mostra itinerante).
La mostra, come detto, è aperta fino a sabato 30 settembre, in Biblioteca, secondo gli orari di apertura. Inoltre, è visitabile anche sabato 23 settembre, fino alle 24, in occasione di “Camminando per il Centro”.

Ti.Pi.